Seeking the Music Business puntata #0

 
Siamo felici di introdurvi Seeking the Music Business la rubrica nuova di zecca e risultato di una fresca collaborazione tra La Casa del Rap e Sounday. Sounday è un portale web al servizio della musica ed è distributore (tra gli altri) di Egreen, Ntò, Mudimbi, Frah Quintale, Mixup, Pepito Rella, Metal Carter, dj Fastcut, Chicoria.



Pubblicheremo una serie di articoli destinati ad artisti ed etichette indipendenti, per chiarire alcuni dei molti dubbi che ruotano intorno al mondo del web e alla corretta gestione di un progetto musicale.
Se il web è un potente alleato che ci consente di lanciare online brano e artista e di darli velocemente in pasto a un vasto pubblico, la rete, se gestita senza un’adeguata preparazione, può facilmente trasformarsi in un boomerang. Social network, music store, streaming, download… sono termini ormai entrati e stabiliti nel gergo musicale, ma cosa si celi dietro a essi e chi siano i personaggi virtuali che circondano la musica, protagonista indiscussa di questa serie digitale senza fine né stagioni, è tutto da chiarire.
Per questo ci è venuto in mente di proporvi alcuni contenuti stuzzicanti, una panoramica degli argomenti più in voga in fatto di musica e web: gli appuntamenti saranno molti e oggi si parte con un’introduzione alla distribuzione digitale, grande amica di artisti emergenti e affermati, alleata che consente a un disco di fare il giro del mondo con un click e a un ascoltatore di innamorarsi con un play.

Che cosa è la distribuzione digitale
La distribuzione digitale è una modalità di commercializzazione di un progetto musicale, che consente a un disco di essere pubblicato e messo in vendita sui negozi online. Per accedere a un servizio di distribuzione digitale occorre appoggiarsi a un intermediario (distributore / aggregatore) che, in qualità di partner tecnologico, si mette al servizio del progetto, facendo da tramite nell’invio e nella ricezione dei contenuti da parte dello store.

Chi sono i negozi digitali
Approfondiremo la questione in un articolo dedicato, ma già possiamo farvi cenno. I negozi digitali (o music store) sono quei portali online dove un ascoltatore può trovare musica e si suddividono in due importanti categorie: streaming e download. Tra i più noti del mondo streaming troviamo Spotify, Apple Music, Tidal. Tra i leader del settore download invece ci sono iTunes, Amazon, Juno Download, Beatport.



Che differenza c’è tra streaming e download
Accesso è il termine che si riferisce al mondo dello streaming: un brano è accessibile (appunto) in ogni momento e da qualunque posto, servono solo una connessione internet e delle buone cuffie. Possesso denota l’usanza (sempre più obsoleta) di scaricare un brano e salvarlo in una libreria, in questo caso serve un hard disk capiente.

Chi sono gli aggregatori / distributori
Esistono una serie di realtà (noi di Sounday ad esempio) che mettono a disposizione la propria tecnologia e rete di contatti per garantire la distribuzione di un prodotto musicale senza intoppi. I negozi online non potrebbero relazionarsi con i singoli artisti / etichette e così hanno scelto di stipulare accordi con queste figure che gestiscono sia gli aspetti tecnici di delivery che quelli finanziari con gli store.

Nei prossimi articoli vedremo nel dettaglio come vendere la propria musica online e come gestire la distribuzione in tutto il suo iter. Approfondiremo vari discorsi, tra cui: la suddivisione delle royalties tra artista / etichetta / distributore, la condivisione dei propri dischi dagli store ai social, come scegliere i singoli negozi e come mai YouTube è da considerarsi un vero e proprio music store.

Alla prossima!
 
A cura di Giorgia Mortara (Sounday Music)

 
Dogg
Ritratto di Dogg
yes