Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

News

Le Noble Art

Anche questa settimana "Le Noble Art" arriva di venerdì, la ragione è semplicissima, molti siti importanti europei dedicati alla musica rap sono già in ferie da prima di Natale.Di conseguenza reperire roba fresca è sempre più difficile. Tuttavia, LaCasaDelRap non dorme mai, così come il nostro Traccia, che seppur con un giorno di ritardo consegna a voi lettori l’ultimo appuntamento di questo 2011 della rubrica francese più COOl del millennio.Non resta che augurarvi un buon anno, sperando che il prossimo sia migliore, visto che questa, di annata, è uscita davvero male.

Ci sono giorni in cui la roba è parecchia (vedi settimana scorsa) e giorni in cui la roba scarseggia. Questo è uno di quei giorni. E ci sono giorni in cui sei preso benissimo (vedi settimana scorsa) e giorni in cui sei preso malissimo. Questo è uno di quei giorni. Assodato che ai francesi non piace lavorare nei giorni festivi, godiamoci il poco che resta. Prendete l’articolo di oggi come un augurio di buon anno maledettissimi bastardi lettori miei. Stavolta apriamo la rubrica con un classico freestyle su strumentali americane, ma non sottovalutate il prodotto. Black Kent è un giovanissimo mc (23 anni ha il piccoletto) ivoriano stabilitosi a Bordeaux un paio di anni fa per completare i suoi studi (minchia quanto mi attizzano i rapper acculturati). Il piccolo gioiellino affiliato alla Banlieue Sale di La Fouine si è fatto conoscere dapprima per le sue doti di improvvisatore poi per i suoi mixtape di altissimo livello ("The Black Carter 3" , "Le Scapel Vol.1") che l’hanno portato sotto l’ala protettiva di Canardo e compagnia bella. Cosa ha di particolare questo mc? Rappa in francese, inglese e un dialetto ivoriano. E’ una bestia. Il pezzo che posto ora ("Freestyle Aston Martin Music") è estratto da "Yes , I Kent"; nuovo mixtape del nostro Black Kent che è riuscito a piazzarsi 5° nella classifica di vendite della FNAC. A me piace più dell’originale.

Che ne dite se ci pompiamo un pò di ar en bi omosessuale? Kenza Farah è una bella topolina franco-algerina che fa buona musica. "Couer Prisonnier" è estratto dal suo nuovo disco "Trésor", uscito da poco ma che ha già venduto un botto. Prendetevi male e fatemi compagnia.

Da Bordeaux a Parigi per tornare in casa Banlieue Sale, precisamente in casa Canardo. "Yé Vais Tous Vous Niquer" è l’ennesimo singolo estratto dal mixtape "Papillon 2", scaricabile gratuitamente cliccando QUI (per chi se lo fosse perso).
Rimaniamo in tema mixtape. Da Parigi a Colombes, dove ci aspetta Brasco (rapper di successo dell’etichetta Bombattack) conosciuto soprattutto per la sua abilità di sfornare pezzi tamarri e pezzi introspettivi ad oltranza. Ti fa muovere il culo e ti fa commuovere, o ti fa commuovere mentre muovi il culo. Il pezzo che ci ascoltiamo ora ("On Fous La Merde") non è altro che un pretesto per presentare al pubblico il giovanissimo talento ventenne Moker (quello che rappa la seconda strofa). Il ragazzino ci sta dentro, ha un flow da paura ed è anche abbastanza tamarro. Pompatevela in auto se volete una versione alternativa di "All I do Is Win".
Non c’è nulla di più bello degli emergenit che ti riempiono gli articoli. Nella rubrica "Chi cazz’è" stavolta ci gustiamo 3 nuovi video di rapper più o meno conosciuti negli ambienti molto andergraund. Il primo video che vi posto è "Urban Shoot 3", estratto dal nuovo lavoro del promettente Dj Hamdi, di cui però non so nulla. Da quanto ho capito, dai primi due Urban Shoot estratti, dovrebbe essere un lavoro nel quale il producer scretcha come un animale mentre si fa accompagnare dai migliori rapper che bazzicano gli ambienti purissimi dell’ippopp francese. Il pezzo in questione vanta la collaborazione di Malone, Dan Tana, R.A.N.I. e quella di Sidi Omar, rapper parigino che ha già collaborato con Aketo (Sniper) e Flynt (miglior rapper underground degli ultimi anni). Godetevelo che è una mina.
Restiamo a Parigi per vederci "Cyanure" bonus track di "Bitume Détonation", primo lavoro del rapper Kheimer di prossima uscita. Unica pecca del rapper? Somiglia molto al primo Rohff (forse è per questo che mi piace molto), quello degli album seri che spaccavano ("La Fierté Des Nôtres", "Au-Delà De Mes Limites", "Le Code De L’Horreur" – per alcuni pezzi). Comunque ascoltiamocelo che merita molto e soprattutto, ha tempo per crescere.
Parigi oggi ci presenta anche l’emergente più interessante della settimana. E’ incazzato come tutti i parigini di colore ma ha qualcosa in più. Questo è il primo singolo estratto dal disco "El Commandante 2.0", gran bel progetto scaricabile cliccando QUI (LA ROBA ERA POCA MA IL REGALINO DOVEVO FARVELO). Adesso guardiamoci sto video. Lalcko – Artiste.
E anche per oggi abbiamo finito, e a dirvi la verità, credevo andasse peggio. Ultimamente la mia presenza su LaCasa si è fatta sporadica, mi limito a scrivere le news che poi invio a Stephaz (mi auto evidenzio,ahahaha, NdR) che gentilmente me le posta. Al di là dei classici scazzi di sempre, è da circa un mese che ho il pc rotto e mi connetto sempre da un internet point in un centro commerciale o al massimo a casa di un amico. Tutto questo preambolo per dire che mi mancate tutti e che vi voglio bene. Chiudo l’articolo con un grosso augurio di buon anno, bastardi ladroni lettori fedaini. Mi raccomando , stasera mangiate fino a scoppiare e buon veglione a tutti. Soprattutto a chi, come me, sarà preso malissimo. Traccia
Conosci meglio

lacasadelrap.com è un portale focalizzato sul Rap ma attento anche a ciò che ne è affine, spaziando tra la cultura Hip Hop, la Black Music e la scena Urban. Vero punto di forza è l’attenzione verso aspetti solitamente meno approfonditi, come la scena emergente e quella femminile. Altra importante caratteristica è il suo staff eterogeneo e dislocato in tutto il territorio italiano, capace di valorizzare anche le realtà meno in vista.
Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento