Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

News

Le Noble Art

Attendendo la terza bufera mondiale!
Nel frattempo pop corn, coca e un paio di casse per pomparvi un bel po’ di novità francesi.
Sempre Le Noble Art, sempre col nostro Traccia.

lenobleart

Oggi amici miei poca roba, e anche in ritardo. Ma non c’è mondo senza ritardi, ritardati e ritardatari.
Partiamo. Anche se si prospetta poca roba in rubrica, cominciamo a pararci il culo col video della settimana.

L’irriducibile/instancabile Akhenaton sta realizzando il suo nuovo progetto per Me Label, la sua nuova etichetta indipendente.
Ogni settimana un nuovo pezzo, quindi oggi c’è andata bene, visto che possiamo goderci anche il video di "Nos silences".
Voglio sapere come cazzo si fa a quest’età ad essere ancora così fottutamente forte, secondo me scopa più di Sting.

 
Da Marsiglia a Parigi col nostro autobus tutto scassato e pieno zeppo d’erba da fumare.
"L’Apogée" esce il 5 marzo e la gente è già in subbuglio, si prevedono altre vendite stellari per questi bastardi di merda.
Il primo video estratto ha un titolo emblematico: "Disque d’Or", quello che i ragazzi della Sexion d’assaut sicuramente faranno.
Ma quanto suonano bene le tamarrate di questi stronzi?
 
 
Demi Portion sta realizzando video su video. Il terreno è fertile: se si pensa che gli artisti fanno video per le canzoni più significative del disco,
mi sa che Demi deve prospettare una spesa di migliaia di euro. "On m’a dit", ennesima perla estratta da "Artisan du bic".
 
 
Purtroppo le etichette sono una brutta bestia, o riesci ad importi con uno stile forte e singolare o vieni risucchiato nel vortice. Dopo un primo abbaglio pare che Black Kent si stia riprendendo.
Certo lo stile non è quello macho cazzoduro, ma è comunque musica fatta abbastanza bene per momenti molto più da umano che da tamarro da marciapiede.
"Besoin de rien" a voi, "Vendeur de rêves" fuori ad aprile. Bel bambino Black Kent.
 
 
"Chi cazz’è" oggi potrà sembrarvi moscia ma mai giudicare dalle apparenze. D’altronde anche i nani possono avercelo grosso.
Oggi parto con una delle sperimentazioni più fighe degli ultimi tempi del rap d’oltralpe.
L’Effecktif sta lavorando al primo album "Euro Traffick" ed ascoltando "J’suis speed" pare proprio stia lavorando bene. Il video è un viaggio, come il pezzo.
 
 
Ve lo ricordate Rask? Lo presentammo un pò di tempo fa proprio perchè aveva firmato per la Universal Dream.
"Danger" suona bene, chissà come è "Des Terres Minees", uscito da pochi giorni.
 
 
Karna Zoo a.k.a. una crew proprio promettente. "Si ça ne tenait qu’à moi" vede la partecipazione di Reena a.k.a. troppo brutta mamma mia, un cesso.
Devo ascoltare "Karnage", il prodotto ufficiale.
 
 
Non esiste Traccia senza tamarrata colossale, molte volte anche ridicola. RR Mahbool e la sua Cobrra, questa davvero fa schifo.
E poi lui parla proprio un francese di merda.
 
 
Ennesimo freestyle di Sifoor, il socio di Black Kent per essere chiari. "Fils Du Phoenix" è il titolo del mixtape fuori il 27 febbraio per la Seven Seas Music, "
Luther King Avec Une Plume" è il nuovo video realizzato. Ma dove cazzo l’ha registrato, nel cesso?
 
 
Chiudiamo con un bel pezzo invece. "Les distances du coeur", John Gali feat. Brasco. E Marsiglia torna a farsi sentire.
 
 
Oggi poca roba e me ne rendo conto my niggaz ma almeno non faceva tanto schifo.
Alla settimana prossima allora, sempre qui, sempre su LaCasaDelRap, sempre e costantemente IN RITARDO.
Un bacione, Traccia.
Conosci meglio

lacasadelrap.com è un portale focalizzato sul Rap ma attento anche a ciò che ne è affine, spaziando tra la cultura Hip Hop, la Black Music e la scena Urban. Vero punto di forza è l’attenzione verso aspetti solitamente meno approfonditi, come la scena emergente e quella femminile. Altra importante caratteristica è il suo staff eterogeneo e dislocato in tutto il territorio italiano, capace di valorizzare anche le realtà meno in vista.
Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento