Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Intervista

Speciale MTV Spit. Leggi l’intervista a MC Nill

mtvspit.jpg

Eccoci giunti all’ultimo appuntamento con il nostro speciale sui partecipanti all’ultima edizione di MTV Spit. Chiudiamo con MC Nill, seconda donna in gara dopo Greta Greza.

Benvenuta su LaCasaDelRap! Chi è Nill? Presentati per chi ancora non ti conoscesse. Tu sei nata ad Assisi, in provincia di Perugia. Come sei entrata in contatto con l’HipHop e quindi con il freestyle? Trovi che ci siano più difficoltà ad emergere in quest’ambiente per chi nasce in piccoli centri rispetto a chi nasce in città, in cui ormai il rap è una realtà consolidata da anni, quali Roma, Milano o Torino?
Ho conosciuto casualmente l’Hip Hop grazie ad una cassettina con i pezzi dei Cypress Hill, ma ero troppo piccola per capire di cosa si trattasse, sapevo solo che mi piaceva “come suonava”. Ho iniziato a scrivere alle medie, poi sono arrivate le prime crew e il freestyle per passatempo, per divertirci tra di noi. Rispetto ai miei colleghi sono arrivata a fare le battles un pò tardi, intorno ai vent’anni, poichè ho avuto un periodo di stop in cui sentivo di non potermi esprimere al meglio se prima non avessi messo in chiaro dei punti della mia vita. Una volta sistemata questa cosa è partita la fissa per le battles e ci sono andata completamente a ruota, per una “timidona inside” come me hanno fatto solo del bene: mi hanno permesso di migliorarmi come mc ma anche come persona e di conoscere persone stupende. Credo che nelle grandi città ci sia magari più movimento e quindi anche più “competizione” per emergere, però nei piccoli centri manca una cosa fondamentale: il poter prendere parte a delle situazioni stimolanti in modo costante. Che siano jam, battles e live, ce ne sono comunque un numero minore e quindi si ha meno possibilità di confronto e il confronto è fondamentale per la propria crescita artistica. Io ringrazio sempre tutte le persone che smuovono qualcosa in Umbria, perchè è importantissimo. Dal peasino ci si deve sempre spostare se si vuole avere un’idea chiara, magari sulla scena, magari sul livello di freestyle (se si è un freestyler) etc. e confrontarsi con le capacità altrui, con il modo altrui di fare è una parte fondamentale che va sviluppata. Non dico che per chi viene dalla città sia tutto facile, anzi, consiglio a chi è nelle piccole realtà di spingere al massimo e di andare a prendere parte a situazioni più grandi appena c’è la possibilità di farsi un viaggetto per poi tornare a casa con quell’esperienza in più, che insieme a tutte le altre esperienze potrà contribuire a una crescita, allo sviluppo della propria personalità artistica. E’ uno sbattimento, ma il gioco vale la candela.

Leggi anche:  Ladies First puntata #5: FEMMINILL è il nuovo traguardo di Mc Nill

Anche tu, come Nerone e Debbit, hai partecipato a due edizioni di MTV SPIT. Qual è stato l’avversario che più hai temuto?
Temuto direi nessuno, certamente nutro rispetto per le persone che ho incontrato nella gabbia. Diciamo che ho avuto emozioni diverse in ogni sfida, quello si, però credo sia meglio entrare nella gabbia di Spit con la voglia di giocarsela e divertirsi che temendo qualcuno.

vVlXGTh

Che effetto fa rappare davanti ad una telecamera? Immagino ci sia molta più ansia rispetto al fare freestyle in cerchio. Hai cambiato modo di approcciarti ad esso, visto la platea molto più numerosa?
Sicuramente l’ansia l’ho sentita, soprattutto la prima volta. Poi ho iniziato a vivermela come una battle come le altre, solo che ci sono le telecamere, ma senza farci caso.
Volevo portare me stessa come ho sempre fatto e soprattutto nella mia seconda partecipazione credo di esserci riuscita.

Cosa ne pensi dell’attuale scena rap italiana? Da un po’ di tempo le female rappers attirano l’attenzione del pubblico, come testimonia la presenza, oltre a te, anche di un’altra donna tra i concorrenti dell’ultima edizione di MTV SPIT: Greta Greza. Come vedi in particolare la scena femminile italiana?
Ci sono tanti artisti che spaccano in Italia, poi c’è chi fa i discorsi nostalgici, chi fa distinzione tra mainstream e underground. Per quanto mi riguarda ascolto gli artisti che reputo bravi e ce ne sono sia da una che dall’altra parte. Donne che spaccano ce ne sono, posso solo essere contenta di questa cosa. Si mettono in gioco, chi coi brani, chi col freestyle e dimostrano che anche nel “fronte femminile” ci sono le capacità. Poi io non ho mai fatto la distinzione tra un mc uomo e una mc donna, però quando vedo che i primi commenti su una ragazza che fa rap sono riferiti per il 90% al suo aspetto fisico trovo la cosa estramamente triste. Questo ragionamento mette in prima posizione quanto una donna sia sessualmente appetibile scansando la musica in una posizione secondaria. Sia chiaro, credo che una donna debba essere come vuole e se nel suo essere risulta in piena regola con ciò che la massa definisce “femminile” non c’è niente di male a mio parere. Il punto è dare alle donne la stessa possibilità che si da agli uomini da sempre: quella di essere come si vuole.

Leggi anche:  Speciale MTV Spit: "Johnny Roy".

L’ultimo estratto da “Presibbene EP” si chiama “Ne Vale La Pena”. Cosa dobbiamo aspettarci, arrivato a questo punto? Stai già lavorando ad un nuovo progetto solista o con ala tua crew LoveDie? Puoi svelarci qualcosa?
“Presibbene Ep” è andato e sta andando benissimo, sono molto contenta. Sto lavorando al disco, ci sto mettendo un bel pezzo di cuore, posso solo dire che sono felice ed orgogliosa di collaborare con beatmakers e artisti che stimo in questo progetto. Per ora resto concentrata, anche perchè quando verrà il momento vi stresserò parlando solo del disco ahah.

pXh3NEY

speciale MTVSPIT
Conosci meglio

Rapper, cantante, speaker radiofonico, sneakerhead e streetwear addicted, detentore della verità assoluta. Il tuo idolo vorrebbe essere me.
Ti potrebbe interessare
Nuova uscitaLadies First

Scopri Ladies First Vol.2 e supporta l'iniziativa benefica

Nuova uscita

MC Nill sta una Favola: il nuovo EP fuori per BM Records

News Ita

Mc Nill ci racconta questa società di Super simpa

Report

Scopri com’è andata la 9ª edizione dell'evento Ladies First

Iscriviti alla nostra Newsletter