Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Recensione

Guè Pequeno fa il rap a modo suo, come Sinatra

Arrivato al quinto disco solista e al ventesimo anno di attività possiamo affermarlo con tranquillità: la miglior dote di Guè Pequeno è la longevità con cui riesce costantemente a rimanere al passo con i tempi – affermazione suffragata da quest’ultimo Sinatra.

Alle premesse, una novità: la direzione artistica del disco affidata a Charlie Charles, interessante per due motivi: il primo è che ancor più degli altri episodi solisti, tutti gli spunti che rendono ben noto il suono Pequeno (la passione per la musica italiana, la musica latina e il rap di un certo tipo di gusto) vengono per la prima volta diretti da qualcuno che non sia Pequeno stesso in un modo che risulta infatti più coeso del solito; il secondo è che il direttore artistico è un’eccellenza, giovanissimo – longevità ed esperienza non teme di competere con la freschezza degli sbarbati.

A monte di queste premesse, il disco scorre liscio nella sua mezz’ora (12 tracce) con momenti fatti di rap più classico (Bastardi Senza Gloria con Noyz riprende il beat di If I Can’t di 50 Cent, una chicca per gli appassionati; Babysitter quasi ci ricorda il G-Funk di quegli anni lì), dancehall (la presenza di due autorità come El Micha e Cosculluela dice già tutto sui ritmi più latini del disco; il campione di Mango in Bling Bling invece è un piccolo culto: indice di una passione per il diggin e l’uso dei sample nonostante gli anni che passano) e pop dal sapore internazionale (2% con Frah Quintale ha tutte le carte in regola della hit). Non indifferente la lista degli ospiti: ai già citati aggiungiamo infatti Elodie, Marracash, Luchè, Capo Plaza, Sfera Ebbasta, Drefgold, Tony Effe, Prynce. Una lista lunga e non sempre all’altezza del padrone di casa: i giovani accusano infatti il confronto con quello che è senza dubbi tra i flow più autorevoli d’Italia.

Leggi anche:  Carl Brave propone Notti brave il suo album solista

Come ogni anno, ci troviamo davanti a uno dei migliori dischi dell’anno per scrittura, flow, beat. Aspettiamo già il prossimo.

Conosci meglio

Scrivo di rap e studio filosofia. Nel tempo libero mangio la carbonara.
Ti potrebbe interessare
7.0
Recensione

Dalla Zona, il disco d'esordio di Philip

Nuova uscitaTop

Si chiama Elo il nuovo album di DrefGold

Nuova uscita

Dalla zona è il primo album di Philip

News World

Blackson pubblica il nuovo singolo "DNA"

Iscriviti alla nostra Newsletter