Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Report

Achille Lauro: non solo un live, ma uno spettacolo vero e proprio

COVER Cest la vie Achille Lauro

Testo di Leonardo Michaelides

È proprio così, perché l’artista romano (oramai non più accostabile alla figura del rapper) ha messo in piedi uno show che supera, sia a livello scenografico sia per quanto riguarda la cura dei dettagli musicali, gli standard a cui si è solitamente abituati.
Dopo un’apertura abbastanza in sordina, caratterizzata dalla presenza di tre membri del roaster della No Face Agency e un DJ set di Marcelo Burlon (movimentato e monotono allo stesso tempo), è successo di tutto…Ma andiamo per gradi, iniziando a parlare del trauma per chi, come me, era abituato all’Achille Lauro dei primi progetti, con una personalità più dannata e suoni più crudi e rappresentativi del Municipio III.
Ebbene sì, consiglierei vivamente di dimenticarsi di quei momenti, perché l’autore di Rolls Royce si è presentato al Fabrique di Milano con una band di musicisti e una costumista che ha saputo interpretare pienamente il messaggio delle dieci tracce componenti 1969: trasgressione, libertà e voglia di uscire dalla massa!Escludendo la sinergia che contraddistingue Lauro e Boss Doms (i due viaggiano su un binario in un’altra dimensione spazio-tempo), è piacevole notare il contributo prezioso di Nicola Lazzi (al basso), Mattia Tedesco (alle chitarre) e Marco Lanciotti (che ha improvvisato un assolo alla batteria).
Per poi passare ai completi sgargianti, a tratti colorati e ad altri quasi con un nude-look, impreziositi da accessori, come le ali d’angelo e cappelli che ci riportano alle esibizioni storiche di Jimi Hendrix o Elvis Presley, senza dimenticarsi delle immagini e dei videoclip alle spalle, che completano perfettamente questo spettacolo quasi teatrale.Inoltre sono stati riproposti anche brani estratti da vecchi album, reinterpretati in chiave punk/rock, come nel caso di Maharaja (Ragazzi Madre, 2016).
Non sono da meno gli ospiti della serata, tra i quali Emis Killa (per Linda Realoded), Quentin40 (per Thoiry Remix), Gemitaiz (Ulalala non sarebbe potuta mancare in scaletta), Madman e l’indimenticabile Morgan (che, a distanza di otto mesi dalla sessantanovesima edizione di Sanremo, ha nuovamente ipnotizzato tutti con il remix di Rolls Royce).A livello di pubblico, è utile precisare quanto Lauro abbia decisamente ampliato la sua fan-base (che include anche adulti e non solo più ragazzi) e abbia desiderato elevarsi con questo show.
Infine ricordatevi le regole, come recita spesso lui stesso, che sono: mettete via i cellulari e i vestiti sono inutili!

Leggi anche:  Album e tour, il primo libro e San Remo per Achille Lauro
Conosci meglio

lacasadelrap.com è un portale focalizzato sul Rap ma attento anche a ciò che ne è affine, spaziando tra la cultura Hip Hop, la Black Music e la scena Urban. Vero punto di forza è l’attenzione verso aspetti solitamente meno approfonditi, come la scena emergente e quella femminile. Altra importante caratteristica è il suo staff eterogeneo e dislocato in tutto il territorio italiano, capace di valorizzare anche le realtà meno in vista.
Ti potrebbe interessare
News Ita

En?gma, guarda il video di Bomaye!

Nuova uscita

Vale Lambo torna Come il mare

Intervista

Vale Lambo, come il mare e le sue due anime...

Approfondimento

Emis e Jake, chi sono Renè e Francis?

Iscriviti alla nostra Newsletter