Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Recensione

Infernum, di Claver Gold e Murubutu: un viaggio tra mitologia e contemporaneità

Ho da sempre considerato l’Inferno la cantica più affascinante e visionaria dell’intera Divina Commedia. Il fascino del male mi conquistò sin dalla prima lettura. Il viaggio nel mondo dei dannati si articola con una struttura tipica di un videogame moderno, ripete più volte lo stesso schema e si complica di livello in livello. Nonostante “cotanta bellezza”, sento spesso giovani chiedere: Dante è veramente attuale oggi? A cosa può essere utile nella mia quotidianità?

La soluzione che consiglio a chi nutre tali dubbi ha un nome e un autore, anzi due, ben precisi. È un disco, si intitola non a caso Infernum, e rappresenta il primo progetto collaborativo di Claver Gold e Murubutu. Due tra le migliori penne della scena rap nazionale insieme in un album che si pone il duplice obbiettivo di leggere la contemporaneità e, al tempo stesso, tributare la grande opera del padre della lingua italiana. Claver Gold e Murubutu, vestendo i panni del Sommo Poeta e del suo maestro, intraprendono un viaggio musicale, unico nel suo genere, che si snoda fra le atmosfere e i personaggi più suggestivi descritti nella prima della tre cantiche del poema di Dante. Il risultato è estremamente pregevole.

Infernum esce oggi, 31 Marzo per Glory Hole Records, e noi consigliamo a tutti un attento ascolto. 

Testi

Infernum si presenta come un disco che pretende di non essere ascoltato alla leggera, rischiando di non cogliere a pieno l’arte che fa da padrone. L’obiettivo del progetto è sicuramente nobile, ma la possibilità di cadere in superficialità e banalità comporta rischi da non sottovalutare. Claver Gold e Murubutu, con cautela e accortezza, superano egregiamente la prova, alzando nuovamente l’asticella tecnica dei propri lavori. I gironi dei dannati, le pene e le figure mitologiche sono spunti da cui sviluppare metafore e suggestioni per tentare di leggere la complessa epoca in cui viviamo, fatta di opportunità e sicurezze ma anche di limiti e pericoli, in cui è facile rimanere disorientati. Lo studio pregresso della cantica si evince chiaramente, e ogni dannato che si incontra è conforme con lo scopo comunicativo per cui è stato scelto.

Leggi anche:  Rischio ritorna con il video di El Paso insieme a Clementino, Gemitaiz e Terron Fabio

Al fianco di Paolo e Francesca, protagonisti dell’emozionante singolo già pubblicato negli giorni scorsi e simbolo dell’amore eterno fra due anime affini,  si intrecciano dannati noti, con piacevoli sorprese. Tra i più celebri non poteva certamente mancare Caronte, traghettatore dell’Ade. Protagonista della terza traccia del disco, il celebre nocchiero viene paragonato alla piaga dell’eroina anch’essa traghettatrice di anime nel viaggio verso l’aldilà. Minosse, giudice delle anime nell’Inferno dantesco, è eletto per far da sfondo alla riflessione sulla vita dopo la morte, sulla possibilità di essere giudicati e sulla relativa pena nell’aldilà. Tra le tracce più inaspettate, ma a mio parere meglio riuscite, troviamo invece Pier che attualizza, tramite un affascinante storytelling, il tema del suicidio tramutato nella piaga del bullismo, e Taide, una delle etere preferite da Alessandro Magno. Menzione d’onore per la traccia Antinferno, in cui la profonda ma gradevole vocalità di Davide Shorty regala un’armoniosa freschezza.

Strumentali

Che il livello di strumentali fosse pregevole e ricercato ci era già chiaro la scorsa settimana, al primo ascolto di Paolo e Francesca, prodotta da KD-One. Il producer riminese dimostra per l’ennesima volta di non aver nulla da invidiare ai colleghi, dando vita a una sinergia perfetta tra suono e parole. Il tragitto è poi impreziosito dalle produzioni di vari ospiti, che creano atmosfere fedeli alle sonorità classiche, senza disegnare alcuna apertura ai suoni attuali (giustamente).

Leggi anche:  Funk Shui Project torna dal vivo con La soluzione Tour

Inaspettati e pungenti i beat di James Logan, che cura la produzione di Pier, Malebranche e Lucifero, ben riuscito il duo DJ West/Kuma nella traccia nove, Taide. Tra gli altri producer coinvolti troviamo Squarta & Gabbo, XXX Fila e Badnews, nessuno dei quali appare fuori luogo. Selva Oscura e Chiaro mondo, rispettivamente intro e outro del disco, completano il puzzle. Grazie alla produzione curata da Il Tenente e arricchita dagli scratch di DJ Fastcut, l’ascoltatore viene immerso in una dimensione parallela, tracciata da confini ben precisi, dove l’arte regna sovrana.

Stile

Stilisticamente incriticabile, Infernum si pone come un disco lontano da ogni possibile paragone. Trasformare la più alta poesia italiana in musica in rima, senza sminuirla né banalizzarla, bensì tributandola al grande Dante, è qualcosa di estremamente raro e sofisticato. Non c’è estetica, non c’è auto-celebrazione, non c’è goliardia. C’è tanto contenuto che cerca di veicolare un’emozione, creando un legame empatico con l’ascoltatore, rimanendo allo stesso tempo autentico e aggrappato ai cardini del poema dantesco.
Dante, seppur può sembrare in un primo momento relegato al contesto socio-politico del 1300 in Toscana, in realtà affronta temi fortemente trasversali, che Murubutu e Claver Gold hanno colto e convertito in nobile musica.

8.2

Infernum - Claver Gold / Murubutu

Infernum è un disco che, al momento dell'uscita, regge sulle spalle un carico di curiosità e aspettative rilevante. In un'epoca in cui siamo così abituati a feat estemporanei, un progetto ponderato su cui due artisti decidono di metter un'unica firma acquista un valore particolare. Tanto di più se i due protagonisti sono Claver Gold e Murubutu, non solo abilissimi scrittori e conoscitori del rap ma amici che si stimano reciprocamente, che collaborano dal lontano 2012, anno in cui uscì La rana e lo scorpione. L'album nel suo complesso riesce ad alternare storytelling più intimi e riflessivi ad altri mitologici e onirici, incorporando la voce evocativa di Murubutu con i giochi di parole cuciti da Claver Gold. La varietà dei producer crea un'atmosfera conforme ai temi trattati, senza esagerazioni. Le voci di Giuliano Palma e Davide Shorty aprono le tracce a una ricercata freschezza che alleggerisce un disco dai difficili contenuti. La musica che si apre all'arte e alla poesia. Dante che "ritorna" tangibile nel presente, infrangendo i limiti temporali, rimarcando l'attualità dei suoi temi e la grandezza uniformemente riconosciuta dei suoi scritti. Infernum rappresenta un disco egregiamente realizzato, con cui poter riflettere sulle varie divergenze che il rap italiano ha ad oggi intrapreso, per poi scegliere la preferita. Noi rimaniamo convinti che, in un modo o nell'altro, i racconti di Murubutu e Claver Gold rimarranno tracce senza tempo con cui ogni appassionato dovrà confrontarsi.

Testi

8.0

Strumentali

7.5

Stile

9.0

Pro

Contro

Conosci meglio

Studente, accanito lettore, alla continua ricerca di creatività. Non so cambiare il mondo, ma almeno so che in fondo neanche lui riesce a cambiarmi.
Ti potrebbe interessare
News

Davide Shorty e Ainé pubblicano Cambia colore: una canto di speranza

News ItaTop

Dead Poets e Rome Zoo Classics Vol. 1 a breve in vinile

News ItaNews

Toscana Punk Rock, tre compilation benefiche contro l'emergenza virus

News Ita

John Durrell pubblica il singolo Jesus

Iscriviti alla nostra Newsletter