Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Intervista

Dogma 93, analisi di un manifesto: l’intervista a LowLow

IMG 6597

Il 20 marzo 2020 LowLow pubblica Dogma 93 per Columbia Records. L’album non ha vere e proprie collaborazioni, tutti gli artisti che compaiono al suo fianco (quali GaiaHoldenErika Lei Luna) si limitano ad esibirsi in un ritornello. Per le produzioni invece ha preferito restringere ancora di più il cerchio e limitarsi alle sapienti mani di Big FishKende & Rhade.
L’album Dogma 93 prende ispirazione dal movimento cinematografico, Dogma 95, creato dai registi danesi Lars von Trier e Thomas Vinterberg, fondato su un decalogo di precise regole espresse in un manifesto programmatico pubblicato nel 1995.

Addentriamoci nell’argomento con la nostra intervista all’artista. Buona lettura!

Ciao LowLow, e benvenuto su lacasadelrap.com. Come stai trascorrendo questo periodo di reclusione in casa? Ti trovi bene a passare lunghi periodi con te stesso senza stimoli esterni?

Vivo la quarantena a stretto contatto con i miei fan e con gli addetti ai lavori. Per la prima volta mi sono ritrovato a fare tutto a distanza, ma l’energia che mi arriva è sempre forte. I feedback che mi stanno arrivando mi confermano che la scelta coraggiosa di non fermare l’uscita si è rivelata efficace.

Dogma 93 come tu stesso hai detto è un riferimento al Manifesto cinematografico Dogma 95. Come sei entrato a conoscenza di questo movimento?

Sono sempre stato un grande appassionato di cinema. Tutto è nato quando tempo fa ho visto Dogville di Lars Von Trier: la forza di quella pellicola mi ha spinto a interessarmi a lui e da lì sono arrivato a scoprire Dogma 95. Mi ha colpito molto l’impostazione del loro manifesto e si è concretizzata in me l’esigenza di fare altrettanto con la mia musica.

Come hai strutturato l’album? Quali sono i pensieri o la scintilla che ti ha portato a scriverlo?

Sono partito da un momento di grande smarrimento, soprattutto personale. È stata la scrittura a farmi ritrovare la strada: ho scoperto che tramite le storie degli altri riuscivo a far capire ciò che non era mai venuto fuori di me. Questo è stato il leitmotiv che ha legato la scrittura di tutti i pezzi.

La mia parte migliore è dedicata ai tuoi genitori ai quali sei evidentemente molto legato, andando contro lo stereotipo del rapper che ha problemi con i suoi. È vero che ti accompagnavano ai concerti rap sin da quando eri un bambino? È grazie a loro che hai conosciuto questo genere?

No, anche il rap è arrivato nella mia vita tramite il cinema: è stato 8 Mile, tra le altre influenze, a farmi realizzare che avrei fatto quello nella mia vita. I miei genitori hanno avuto la lungimiranza di supportarmi e credere in questa mia passione e tutt’ora sono molto presenti nella mia carriera.

Fai riferimenti ad Eliot, Omero e Amleto, l’album stesso è un riferimento culturale che pochi conoscono. Sei un amante dell’arte, che sia letteratura, pittura o piuttosto cinema?

Certamente. Ho una forte passione per l’espressione artistica in tutte le sue forme, mi piace assorbirla e metterla nella mia scrittura.

Quella che mi è piaciuta maggiormente è stata Spazzatura bianca, mi ha ricordato molto la tua attitudine in Metriche vol.1, arrabbiato, cinico e pronto a dirne di tutti i colori a chiunque. Qual è invece per te la traccia di Dogma 93 nella quale senti di esserti liberato dal personaggio e messo più a nudo?

Sicuramente i due pezzi più sinceri e personali sono Il nulla senza fine e Quello che cerco. A differenza degli altri, in cui racconto la mia storia tramite le vite di personaggi storici, in questi due sono io in prima persona a mettermi a nudo.

Come mai la scelta di lavorare con soli 3 produttori ma soprattutto, come nasce il vostro rapporto?

Il mio rapporto con Fish e la sua squadra (Kende e Rhade) è simbiotico: c’è un grande apprezzamento reciproco per i nostri lavori e una grossa affinità anche umana. Siamo legati da un rapporto personale e professionale molto forte e condividiamo la stessa visione e attitudine perfezionistica al lavoro.

Come mai c’è stato questo blocco di quasi due anni? Cosa hai fatto in questo periodo?

Sicuramente il cambio di etichetta discografica ha allungato i tempi di pubblicazione di questo disco. Tuttavia, la gestazione di ogni traccia è stata più lunga del solito: ho voluto, per la prima volta, mettere in discussione me e il mio lavoro radicalmente per fare un salto di qualità.

Una curiosità: ti ho conosciuto grazie agli NSP. Siete ancora in buoni rapporti? Come mai avete deciso di smettere di fare musica insieme?

Ho un ricordo molto bello di quel periodo, ma non ci sentiamo da molto. Nella mia testa ho sempre saputo che, prima o poi, sarebbe arrivato il momento di proseguire come solista, perché mi sono sempre visto come tale. La mia scrittura nasce da un’esigenza personale.

Leggi anche:  Shire Music Festival 2019: solo musica e divertimento
Conosci meglio

Il mio primo incarico fu quello di costruire le navi che portarono gli Achei a Troia, ma con la crisi che c'è, ho preso a farne solo di carta e di dimensioni microscopiche. Assidua mangiatrice di lasagne e libri. Probabilmente sono l'anima gemella di Hannibal Lecter. Dite Mellon ed entrate.
Ti potrebbe interessare
8.0
Recensione

17, il numero vincente di Jake La Furia ed Emis Killa: la recensione

Nuova uscita

Neima Ezza pubblica il suo primo Ep Perif

News Ita

Vuoi diventare un produttore artistico? Big Fish presenta la Tempo Academy!

Nuova uscitaTop

Emis Killa e Jake La Furia: fuori "17" e il singolo Medaglia

Iscriviti alla nostra Newsletter