Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Intervista

Come “Funziona” il nuovo disco di Kaso?

Kaso

Il 27 maggio è stato pubblicato Funziona, nuovo album di Kaso prodotto da Rhythm and Muse Records LLP e distribuito da The Orchard. Il rapper, attivo sin dagli anni ’90, dopo un lungo periodo di silenzio è tornato sulla scena con questo nuovo progetto segnato da sonorità molteplici (nel disco troviamo la commistione di jazz, funk, gospel e hip hop).

L’album Funziona come già analizzato – leggi la nostra recensione – non è semplicissimo da comprendere: nei molteplici racconti in rima e su più livelli del rapper, l’ascoltatore potrebbe trovarsi disorientato. Proprio per queste ragioni abbiamo deciso di intervistare Kaso: tracciamo il sentiero del ritorno a Itaca.

Per iniziare penso sia doveroso chiederti quali siano le tue influenze nel panorama internazionale. Justice System e US3: jazz e rap si uniscono in un mix quasi perfetto. Parlaci delle tue ispirazioni.

La canzone finale del disco si intitola proprio Aretha: è un omaggio a lei, ma contiene alcuni riferimenti a musicisti come Mina o il bassista Pino Palladino – che è un nome sconosciuto ai più, ma ha suonato veramente con tutti. L’elenco sarebbe potuto essere sterminato. Posso dirti che, per anni, ho comprato a scatola chiusa i dischi di Common, Gang Starr, Redman e The Roots. Credo che la collaborazione con il pianista Mauro Banfi abbia portato tanto jazz, gospel, funk e acid jazz e inserito diversi elementi suonati che può ricondurre ai gruppi che hai citato. 

kaso

Kaso e Mauro Banfi: un’unione consolidata anche dal tuo intermezzo legato al mondo del jazz. Come si è sviluppato il lavoro di produzione e di individuazione del sound per questo progetto?

Siamo amici da più di vent’anni e di file ne sono rimbalzati diversi tra Varese e Londra, dove Mauro stava fino a un paio d’anni fa. Alcuni pezzi come Sei tu derivano da questi scambi di idee a distanza, altri erano sul mio hard disk da un po’ ed avevano bisogno di un orecchio diverso dal mio che li ascoltasse e rifinisse, con parti aggiunte, tolte o risuonate mentre; altri pezzi sono partiti da giri armonici creati da Mauro a cui io ho aggiunto beat e rime, fino ad arrivare a dei pre-mix che ci convincevano. C’è stato un intenso lavoro anche accanto agli ingegneri di mix (Emanuele Mocce Mocchetti di 2moros studio) e di mastering (Pietro Caramellienergy mastering) per definire gli elementi essenziali, per far rimbalzare le tracce quanto volevamo. Decisamente ci unisce il piacere di ascoltare e creare musica che abbia un buon groove e spontaneità.

Leggi anche:  Niente da dire è il nuovo singolo di Kaso

La musica dance si sta sempre più avvicinando all’hip hop: un cambiamento di questo tipo determina uno “snaturamento” o un’evoluzione del genere? Come stai vivendo tu questo passaggio?

Bisogna considerare che l’uso di alcune sonorità fanno anche parte di mode cicliche. In tutte le forme d’arte esistono continui richiami e rimandi al passato. Alla fine degli anni ’80 ed inizi ‘90, quando ero bambino, si sentivano in Italia diversi brani hip house con basi dance ma rappate e invece si sentiva molto meno rap classico. Qualsiasi forma di sperimentazione, se fatta con genuinità, ricerca e stile, è una evoluzione. Se ti riferisci invece al fatto che oggi si risenta rappare su strumentali che mantengono la cassa su ogni quarto, be’ non è una novità dire che l’ascoltatore medio italiano – forse proprio per quello che dicevo prima – non riconosca proprio il suono più nero, quello che generalmente viene definito più swingato, che “rotola” e che per me è più sexy.

kaso

Un pezzo emblematico è Questo bimbo: il ritornello gioca quasi sulla rottura dell’armonia melodica. Questo “gioco” musicale rende ancora più forte il messaggio veicolato dalla canzone: i rapper dovrebbero sentire maggiormente il peso delle parole?

Tutti i rapper sono portatori di un messaggio. Anche stare zitti o non trattare alcuni temi è di per sé un messaggio. Io sono di Varese e arrivo dalla scuola Otierre per cui prendere posizione è fondamentale (“play your position” cit). Questa canzone racconta la storia di un abbandono e il dono di amore da chi meno ti aspetti. Mauro ha percepito la tensione del messaggio scegliendo una progressione armonica tensiva, un suono di pianoforte distorto e compresso, una linea di basso ossessiva,  e vari suoni di synth cinematici per linee melodiche; d’altronde, aveva appena ricevuto un Korg Prologue 16 e questo sembrava il pezzo giusto per provarlo. Poi, per quanto io ci tenga al messaggio, bisogna riconoscere che, nel “gioco” del rap, il “come lo dici” vince sul cosa, e se hai stile non ce n’è per nessuno. Non ho problemi a dirti che mi piace ascoltare musica di chi non la pensa come me.

Leggi anche:  Kaso, arriva il vinile di Funziona e l'inedito Come bestie

Il ritornello della title track Funziona suona “non c’è cosa né giusta né buona, ma che funziona”; pensi che siamo ormai giunti nell’ottica de “il fine giustifica i mezzi”? 

Decisamente sì e da tempo. Quella che prima veniva considerata un’attitudine da opportunista, di chi voleva fottere il sistema o prendere scorciatoie, ora è la modalità di ognuno. Mi spiego meglio, perché non è che siamo diventati tutti stronzi. Semplicemente, anni fa, se una cosa era giusta aveva senso, oggi invece se una cosa che riterremmo anche giusta non funziona, non ha più valore e senso per essere perseguita. È un pensiero che puoi applicare alla musica come alle relazioni personali, al corpo umano o alla politica. Siamo ossessionati dal funzionamento, ci stiamo trasformando in dei fottuti tecnici e non a caso siamo innamorati delle tecnologie. L’ingranaggio del mio logo rappresenta la mia curiosità per le incongruenze, gli aspetti umani e imprevedibili e i cortocircuiti di questo modo di pensare che ormai fa parte di noi. 

kaso logo

In Non è la coca nello storytelling si descriva la vita di un migrante che arriva in un mondo nuovo. L’ “innamorarsi ancora” è riferito a una persona o alla cultura di un posto nuovo? Raccontaci un po’ questa canzone.

Mi piace la tua interpretazione e in effetti la voglia di ricominciare a innamorarsi è un po’ come resettare tutto. La canzone descrive il momento perfetto per farlo. Io lavoro anche nel mondo del sociale e ti confermo che anche il migrante, quando arriva nel nostro Paese, si trova davanti a una nuova civiltà. Nella canzone dico “datti un nome come chi arriva alla deriva dal mare”, perché spesso per ricominciare serve anche staccarsi completamente da chi si era prima. 

Leggi anche:  Kaso pubblica Funziona con Maxi B

Il brano Sei tu si costruisce su uno storytelling descrittivo/personale o il titolo si rivolge a chi sta ascoltando?

La canzone è dedicata a una donna, ascoltatrice o meno, che non riconosce le qualità di chi gli sta vicino. Non ho mai disdegnato il lato ironico del rap. Da ragazzino guardavo Yo MTV Raps e mi ricordo che mi divertiva, c’erano i conduttori che facevano le gag e poi i video di Biz Markie o The Pharcyde e ridevo. Qui mi sono immedesimato in alcuni miei amici che ciclicamente vanno “sotto” per la donna impossibile.

kaso

L’ultima canzone Aretha è la giusta conclusione di uno scatto fotografico musicale dei nostri tempi. Ognuno deve creare la sua dimensione all’interno di uno scorrere più rapido. Hai trovato il tuo tempo? Quali sono i tuoi progetti futuri?

Questa canzone è esattamente quello che dici. Andare a tempo è un concetto ampio e gestire le proprie ansie, seppur legittime, è fondamentale. Hai colto il mio istinto educativo innato. In questo momento mi sento pienamente al centro di quello che succede attorno a me, il che non vuol dire che ne ho il controllo. A breve uscirà un nuovo video ma non ti svelo ancora  di quale brano. Chiaramente il mio pensiero per il futuro è simile a quello di tanti altri colleghi musicisti, ovvero la musica live. Io e la band con cui suono abbiamo già uno show pronto. Lo abbiamo sperimentato prima del lockdown in qualche concerto e il suono di questo disco si sposa bene nell’essere proposto con degli strumenti reali. Confido quindi di stampare un vinile in modo che sia pronto per i concerti, magari con qualche pezzo extra.

Conosci meglio

La musica mi accompagna sin dall'infanzia. Ho studiato la musica classica e lavorato sull'elettronica. Ogni suono è un colore sulla tela della quotidinità: "una vita senza musica non è vita."
Ti potrebbe interessare
News Ita

Kaso, arriva il vinile di Funziona e l'inedito Come bestie

News Ita

Kaso pubblica Funziona con Maxi B

7.3
Recensione

Kaso "Funziona": un nuovo inizio

Nuova uscita

Funziona è il nuovo disco di Kaso

Iscriviti alla nostra Newsletter