Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

News World

OneFour: i driller di Sydney pubblicano il video di Street Guide (Part 1)

OneFour

Gli OneFour escono il 18 marzo con il video YouTube del singolo Street Guide (Part 1). Il gruppo con base a Sidney, nel quartiere di Mondruit è fuori con il primo singolo del 2021.

I ragazzi sono appartenenti ad una minoranza di origine delle isole del pacifico, spesso discriminata dalle autorità e dalla polizia. I diversi incidenti con la giustizia hanno portato in prigione tre dei 5 componenti della crew: Celly, Lekks e YP.

Gli OneFour sono considerati i fondatori del genere drill in Australia. Nel 2019 i brani The Message e Spot the Difference fanno il botto, raggiungendo entrambi più di 10 milioni di views su YouTube. Gli artisti vengono notati anche fuori dal continente e collezionano collabo con diversi artisti UK, come AJ Tracey, Stormzy, Dutchavelli dagli UK e ASAP Ferg dagli USA.

Phone my youngin, got me buggin’

Paranoid for the boys in blue

No talk for the noise we do

Big noise for the toys we use

It brings joy when I see the boys in the news

OneFour

Alla fine dell’anno precedente J Emz and Spenny, unici membri del gruppo in libertà avevano pubblicato l’EP Against All The Odds. La raccolta musicale è composta da 7 brani, di cui 3 sono freestyle per i compagni chiusi dentro. L’EP ha anche importanti featuring, come Dutchavelli e The Kid Laroi.

Leggi anche:  Chip dissa nuovamente Stormzy in 10 Commandments

Street Guide è un singolo che parla di vita di strada enunciando le regole da seguire se si vuole sopravvivere nella giungla urbana di Mondruit. Il beat è prodotto

Godetevi qui sotto il video di fuoco degli OneFour. Ma preparatevi che è solo il primo capitolo della trilogia Street Guide.

Ti potrebbe interessare
News World

Dutchavelli risponde alle accuse con il singolo Rumors

News World

Stormzy collabora con Yaw Tog: promessa del drill africano

Nuova uscita

Digga D pubblica il mixtape Made In The Pyrex

Nuova uscita

Ghetts ci stupisce con Conflict of Interest

Iscriviti alla nostra Newsletter