Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

News ItaTop

Caparezza pubblica il video de La Scelta

Caparezza-la-scelta-21

Dal 16 aprile 2021 è in radio e su tutte le piattaforme digitali La Scelta di Caparezza, per Polydor/Universal Music, tratto dall’attesissimo album Exuvia in uscita il 7 maggio 2021.

A propoposito di questo l’artista anticipa:

«E sono contento della scelta che ho fatto, nemmeno un rimorso, nemmeno un rimpianto. Uno degli elementi ricorrenti del nuovo album è la stasi, il limbo, il “non-luogo” senza via d’uscita. Come si viene fuori da questa impasse? Esiste un solo modo: fare una scelta, prendere una decisione.

Ho immaginato di trovarmi davanti ad un bivio, due sentieri che si diramano dal bosco, ciascuno sponsorizzato da un guardiano. Il primo è Beethoven, un musicista che ha composto fino alla morte nonostante sia stato continuamente bersaglio delle avversità, nonostante una dannata otosclerosi gli abbia impedito di godere del proprio talento rendendolo sordo a 30 anni per esempio. Un’ostinazione, la sua, che mi ha sempre rincuorato durante le crisi creative. Ovviamente Beethoven mi indica la strada della consacrazione all’arte. Di diversa opinione è l’altro guardiano, Mark Hollis dei Talk Talk, scomparso di recente, personaggio che amo ma che cerca di dissuadermi dal fare della musica la mia ragione di vita. “O faccio il tour o faccio il padre” avrebbe detto durante un’intervista. Mark ha abbandonato i lustrini dello spettacolo nel pieno della sua ascesa, dedicandosi sempre più di rado alla sua carriera discografica.

Adesso tocca a me fare la scelta giusta.»

Leggi anche:  Emenél pubblica il video di Leaves

Su YouTube al canale ufficiale di Caparezza trovi anche il video, già in tendenza.

Ti potrebbe interessare
Approfondimento

"A mio agio nel caos, ecco la mia Exuvia": il rito di passaggio di Caparezza

Intervista

L’underground non è solo old school, ed è ora di capirlo: intervista ai Triflusso

6.5
Recensione

Dr. Wesh ci fa conoscere i suoi Pazienti: la recensione

Approfondimento

Quando il rap italiano viveva di centri sociali e università

Iscriviti alla nostra Newsletter