Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Intervista

Sheng e MORIRE LEGGENDA, il suo primo disco dal sapore internazionale

sheng

Brjan Di Biase, in arte Sheng, lo scorso 7 maggio 2021 pubblica il suo disco d’esordio Morire leggenda, un album dal sapore internazionale, disponibile su tutti i digital store.

Sheng, rapper classe ’98 di Ceccano, ci racconta questo suo primo album, un viaggio nella sua realtà vissuto attraverso i suoi occhi. Morire leggenda è un disco in cui l’artista ha messo tutto se stesso e ha superato perfino l’obiettivo che si era prefissato. Il progetto è pieno di tanti featuring anche internazionali (come Marty Baller e HIM$); sono presenti la vita dell’artista, i suoi sorrisi e le sue lacrime, ma anche la volontà di alzare il livello della sua musica, grazie alle connessioni con Francia e U.S.A. Le produzioni sono tutte a cura di Brvss e l’album è stato anticipato dagli estratti Jetski, Libero e Andale 2.

Sheng, dall’ascolto fin da bambino dell’hip-hop, ai freestyle, fino alla vittoria del contest Honiro Ent, da sempre bilancia la sua dimensione con l’ispirazione all’attitudine americana, sottolineando l’importanza della cultura dietro un genere musicale. Abbiamo avuto il piacere di poter scambiare due chiacchiere con lui, leggi l’intervista per lacasadelrap.com!

Ciao Sheng, benvenuto su lacasadelrap.com! Per prima cosa parlaci un po’ di te, come hai iniziato a fare musica e quali sono le tue influenze artistiche?

Ho iniziato verso i quattordici anni con le battle di freestyle, poco dopo ho iniziato a scrivere. Non ho mai avuto punti riferimento in particolare, cerco di interessarmi sempre a cose nuove che diano nuovi stimoli.

Leggi anche:  Sheng, è disponibile il singolo Andale 2

Qual è la forza motrice che ti ha spinto a concretizzare questo tuo primo album?

C’è tanta fame dietro, ho diviso un anno intero tra lavoro e studio di registrazione, dare il giusto peso ai progetti per me è fondamentale e vedere il disco prendere forma mi ha dato la spinta che mi serviva.

Nella presentazione di Morire Leggenda, leggiamo: “non è un disco fatto per piacere, e proprio per questo, piace”. Qual è il punto di forza di questo album e, in generale, della tua musica?

L’ho detto e lo ripeto, non faccio musica perché piaccia agli altri se prima non piace a me. Continuo a seguire la mia linea senza cedere ai compromessi che mi si presentano, e ogni volta che esce un pezzo so di fare bene così.

sheng

Nei tuoi testi parli molto della tua città (Ceccano, FR). Che rapporto hai con essa e quanto devi alla scena musicale della tua zona?

Ceccano mi ha insegnato a prendermi tutto quello che lei non ha saputo darmi. Prima ancora del nome in sé, conta la gente che ci abita, ed è quella stessa gente che tengo a rappresentare.

Ci sono diversi featuring interessanti nell’album: Sace, da Roma, e altri nomi che danno un sapore internazionale. Come sono nate queste collaborazioni?

Io e Sace ci conosciamo da qualche anno, è bastato sentirci per telefono per i dettagli e ha mandato la sua strofa.
Le collaborazioni con Marty e HIM$ invece nascono via Isntagram, anche loro hanno inviato tutto nel giro di poco tempo e i brani sono stati chiusi senza problemi.

SHENG

La produzione dell’album è interamente a cura di Brvss. Come nasce il vostro rapporto, e come avete scelto il mood delle strumentali?

Con Brvss c’è un legame fortissimo che prosegue da quasi dieci anni, la musica è stata un collante in più per rinsaldarlo. Spesso abbiamo gusti molto simili, e la sintonia che si è creata nel tempo ci porta a lavorare benissimo l’uno con l’altro.

Leggi anche:  Sheng, è disponibile il singolo Andale 2

Cosa c’è nel futuro di Sheng, ora? E quali aspettative hai per questo tuo disco d’esordio?

Conosco tutto il lavoro che c’è dietro il disco, per questo ho molta fiducia nei risultati che otterrà. Per quanto riguarda il futuro acqua in bocca, ma ne vedrete delle belle !

Conosci meglio

Ciao, sono Vincenzo, ho 20 anni e studio scienze della comunicazione. Sono un amante della musica, dello sport, della cucina e dell'arte. Penso che i social media siano la fonte principale per comunicare qualcosa e lanciare un messaggio qualsiasi. Instagram: vincenzo.torregrossa
Ti potrebbe interessare
News Ita

Sheng, è disponibile il singolo Andale 2

News Ita

Sheng pubblica il singolo Libero

Iscriviti alla nostra Newsletter