Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

News

Met Fish torna con “Meraki”: il producer album che non sapevi di voler ascoltare!

met fish cover 1

Il 2021 è stato indubbiamente l’anno dei producer album: ne abbiamo sentite di ogni – da Don Joe a Mace, da DJ TY1 fino al Suono sporco di DJ Fede. Insomma, il producer album si è rivelata indubbiamente una formula interessante per la scena musicale. Un qualcosa di diverso dai “complessi” albumi con un concept preciso e ben studiato. E, d’altro canto, questa leggerezza con un fil rouge appena accennato era effettivamente quello di cui aveva bisogno il mercato in un periodo come quello affetto da covid-19.

Oggi, però, vogliamo parlarvi di un progetto diverso – ancora più insolito di quello che probabilmente state immaginando. Damiano Capo, in arte Met Fish, è un rapper e beatmaker di origine umbra. Muove i suoi primissimi passi nell’hip hop avvicinandosi al writing, per poi scoprire la passione per le rime e la produzione. È risalente al 2009 il suo primo demo All Eyes On Met: un lavoro di dieci brani in cui, sulle basi di 2Pac, compone i primi esercizi di stile.

Met Fish
Met Fish

Dopo il recente progetto Harem del 2019 – clicca qui per approfondireMet Fish torna oggi con Meraki: un album dove la musica è vera protagonista, senza secondi fini e senza possibili compromessi. Come mai diciamo ciò? Semplice: questo progetto, interamente seguito da Met Fish, è un beat tape pulito che nella sua essenza rispecchia a pieno ciò che tutti intendiamo come “producer album”. Un lavoro artistico guidato – tanto sul lato musicale, quanto su quello estetico – interamente da un producer.

Leggi anche:  Met Fish: online il nuovo beat tape Harem

Ma non è finita qui! Se si limitasse a questo, sarebbe sicuramente un progetto valido eppure si è appena specificato che risulta essere “senza possibili compromessi”: il motivo è semplice: il progetto è disponibile completamente in free download. Le sonorità proposte sono irriverenti e rispecchiano chiaramente il gusto del producer, oscillando fra suoni più cupi a melodie più dolci, da tendenze dubstep fino a suoni reggae.

Met Fish
Met Fish

Il significato del titolo (Meraki) è quanto mai esplicativo: questa parola di origine greca (μεράκιmeraki) si usa per descrivere qualcuno che fa qualcosa mettendoci tutta la passione, l’amore o la creatività di cui dispone. Insomma, Meraki è quel progetto che in pochi conoscono, ma che tutti dovrebbero aver voglia di scoprire.

È disponibile in free download cliccando qui: DOWNLOAD!

Met Fish
Met Fish, Meraki (cover). © Artwork di Giorgio Credaro

Met Fish: il Track by Track di “Meraki

1. Ameno – La traccia è una cover fatta al piano della canzone originale “Ameno” di ERA, l’idea era di creare un brano che introducesse il beat-tape.

2. Pastels – In Pastels ero alla ricerca di un sample malinconico, che potesse spingere me e l’ascoltatore a lasciarsi andare con la mente e ripercorrere una serie di ricordi. Essendo amante della musica Soul sono rimasto folgorato dal sample ed ho deciso di utilizzarlo.

3. Wonderland- Per ciò che riguarda wonderland, avevo voglia di sperimentare. Quando l’ho prodotta avevo già in mente cosa fare, una strumentale che suscitasse nell’ascoltatore un senso di pace. Quest’idea l’ho tradotta utilizzando una drum line molto minimale, dei lead e dei pad che danno profondità alla produzione.

Met fish track
Met Fish, Meraki (cover). © Artwork di Giorgio Credaro

4. Neve – Il beat di Neve è nato a seguito di una massiccia influenza di musica funk e spiò. Nel periodo in cui stavo lavorando su questo beat ero alla ricerca di samples di questo tipo, però volevo che questi potessero suonare bene su un breakbeat e soprattutto che non suonassero vecchi.

5. Melanconia – L’ultimo beat è nato per caso, facendo digging mi sono ritrovato in mano un vinile al cui interno vi erano le colonne sonore di alcuni western. Una volta trovato il sample giusto, ho cercato parte vocale che potesse adattarsi meglio al campione.

met Fish4 e1648911319262
Conosci meglio

La musica mi accompagna sin dall'infanzia. Ho studiato la musica classica e lavorato sull'elettronica. Ogni suono è un colore sulla tela della quotidinità: "una vita senza musica non è vita."
Ti potrebbe interessare
Intervista

Met Fish ci lascia entrare nel suo Harem

News Ita

Met Fish: online il nuovo beat tape Harem

Iscriviti alla nostra Newsletter