Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Intervista

Dope One e KassiusPlay, Gemini solo in copia fisica – L’Intervista

Gemini

“Gemini”, il primo disco ufficiale di Dope One, uno fra i più noti rapper della scena Napoletana, e KassiusPlay, produttore e testa Hip Hop Partenopea.
L’album, contro corrente rispetto a quello che si vede in giro oggi, esce al momento solo in copia fisica facendo un ritorno alle origini della cultura Hip Hop.

Il disco, tipicamente underground, è uno street album che vanta una variegata proposta sonora e un numero altissimo di collaborazioni di artisti Italiani, Europei e Oltre Oceano. Considerando l’importanza del digitale, ci siamo chiesti perché “Gemini” non sia stato caricato immediatamente negli store più famosi e non sia stato nemmeno accompagnato da un video.

Ne abbiamo parlato con gli artisti.

Gemini è un disco di strada, tipicamente underground. Un vero e proprio ritorno all’HipHop, quello autentico.

Benvenuti su La Casa del Rap. Dope è vero che hai in preparazione un sacco di dischi?

Dope One: Si e vero ho un sacco di materiale bollente tra le mani. Un Mixtape completamente prodotto da KassiusPlay, oltre al disco Gemini uscito in questi giorni;un disco con sonorità trap e drill completamente prodotto da Obi, un giovane producer Napoletano. Sto lavorando a un nuovo disco con KassiusPlay che questa volta non si limiterà solamente a produrre,ma sarà anche al microfono con il suo nome da Mc: AngelomA. Sto anche collaborando con tantissimi artisti della scena Hip Hop Italiana. Non mi sono mai fermato e mai mi fermerò. Non scrivere, non fare pezzi sarebbe come smettere di respirare per me. Quindi preparatevi perchè ho barre su barre, 24 su 24, 12 mesi all’anno.

Leggi anche:  V'aniss si racconta senza pensare a possibili pregiudizi

Per quanto riguarda te KassiusPlay ? Hai altre uscite in cantiere?

KassiusPlay: Oltre a tutte le produzioni e al prossimo disco con Dope One,per Novembre esce il mio terzo disco solista completamente prodotto da me sia per quanto riguarda le produzioni sia le post produzioni. Per il prossimo inverno uscirà il disco di Mr.Wareman totalmente prodotto da me. Sto anche producendo il prossimo disco di FunkyGreg e Mastin Off-Man ma non ci sono date certe.

Come avete deciso che era il momento di fare un disco insieme?

Dope One: Conoscendoci da tantissimi anni, quasi 24 anni, e condividendo gli stessi valori e filosofie di pensiero ci siamo ritrovati a fare dei pezzi insieme. E’ stato tutto molto naturale. Non lo avevamo programmato. Ci siamo ritrovati a innamorarci di sample e, dopo più volte che ci siamo visti per delle sessioni in studio, ci siamo resi conto che avevamo un disco fra le mani e che dovevamo farlo uscire. Gemini é arrivato dopo strade artistiche separate e progetti individuali,seppur supportati dal nostro legame costante, e abbiamo deciso che era arrivato anche il momento di confluire queste energie in un album,ed in una serie di progetti e idee che andranno a definire il nostro sound. Non possiamo mai dimenticare le notti passate a scambiarci opinioni sui samples. E’ partito tutto da li, dal suono.

Leggi anche:  I Rubik Beats aprono il loro vaso di Pandora

Come mai lo avete chiamato Gemini?

KassiusPlay: Essendo dello stesso segno zodiacale, Gemelli, ed essendo molto affini su tanti aspetti della vita e della musica,non poteva essere che Gemini la parola chiave più adatta a determinare il titolo del disco.

Cover by Korvo


Cosa dice del disco questo titolo? Che caratteristiche zodiacali ha?

Dope One: I Gemelli sono di solito descritti come aperti alla comunicazione, portati al contatto con gli altri, alla curiosità e al sapere. Se prendete in mano un disco come Gemini trovate tutte queste caratteristiche. Ci sono tantissime collaborazioni, una ricerca musicale paurosa (basta pensare a tutti i suoni e le sfumature che si sentono). E’ un disco fatto da viaggiatori, sia in senso fisico che mentale. Ci siamo lasciati andare e abbiamo dato sfogo alla nostra curiosità sperimentale. Credo che questo basti a spiegare cosa c’è di zodiacale in un disco che si chiama “Gemini”! (n.d.r. Ride!)

Come mai non è subito sui digital stores?

KassiusPlay: Abbiamo deciso di fare una tiratura limitata di 100 copie fisiche per i veri supporters per riportare quella freschezza che solo la cultura Hip Hop riesce a donare. Il nostro intento é quello di incontrarci con chi segue e supporta la nostra musica,vedersi dal vivo nelle Jam e nelle strade per tornare a far assaporare il contatto personale. Questa, se ci pensi, è un’altra caratteristica di Gemini dal punto di vista zodiacale. Il contatto umano, la comunicazione autentica. Siamo consapevoli che il digitale è il futuro e lo metteremo online, ma per ora volevamo evidenziare la parte romantica dell’Hip Hop delle origini. Gemini è un disco che viaggia fra suoni del futuro, suoni del passato e modi di vivere la cultura HipHop delle origini.

Leggi anche:  Sgravo racconta traccia dopo traccia Tatanka


Avete delle date dove lo presenterete?

Dope One: Abbiamo rimandato a Settembre tutto ciò che riguarda live, interviste radiofoniche e televisive. Per ora siamo impegnati alla fase di mix e master del mio prossimo Mixtape completamente prodotto da KassiusPlay e alla realizzazione del nostro nuovo album. Lo so non ci fermiamo mai.


State anche pensando a un video o avete un totale distaccamento dal mondo digitale?

KassiusPlay: No nessun distaccamento, ma non abbiamo un’ossessione. Non abbiamo ancora pensato se ci sarà o no un video ufficiale. Al momento vogliamo avere contatti umani. Appena le copie fisiche saranno vendute, caricheremo il disco su alcune piattaforme digitali e a settembre cercheremo di farci vedere insieme nei live, magari con altri pezzi pronti. La vogliamo prendere easy, facendo rime e beat che ci facciano stare bene, senza pensare troppo ai numeri, al video, al social network o alle classiche. Gemini è un disco di strada, tipicamente underground.


Conosci meglio

lacasadelrap.com è un portale focalizzato sul Rap ma attento anche a ciò che ne è affine, spaziando tra la cultura Hip Hop, la Black Music e la scena Urban. Vero punto di forza è l’attenzione verso aspetti solitamente meno approfonditi, come la scena emergente e quella femminile. Altra importante caratteristica è il suo staff eterogeneo e dislocato in tutto il territorio italiano, capace di valorizzare anche le realtà meno in vista.
Ti potrebbe interessare
Intervista

Metal Carter, il Death Lord torna in scena: l'intervista sul nuovo album "Musica per vincenti"

News ItaTop

Metal Carter, annunciato il nuovo album "Musica per vincenti" in uscita l'8 aprile

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 25 febbraio 2022

News Ita

Shame si aggiudica per la seconda volta il Guinness World Record per il freestyle

Iscriviti alla nostra Newsletter