Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Recensione

Tra droghe e delusioni, Chiello ci mostra i suoi fantasmi: “Mela Marcia”. La recensione

chiello mela marcia

Dopo Oceano Paradiso, Chiello è tornato per far girare nuovamente il suo nome nella scena rap italiana con Mela marcia, pubblicato da Universal Music Italia. In questo nuovo progetto il rapper ha raggruppato i suoi pensieri e le cicatrici delle esperienze passate, che lo hanno portato ad essere il Chiello che è diventato, maturando una concezione pessimistica dell’esistenza.

Il rapper ha scelto un titolo d’impatto per il suo progetto. La mela, elemento della natura, dovrebbe rappresentare la pienezza della vita, data la sua succosità e il suo colore brillante; al contrario, l’artista vede il frutto ormai non più commestibile, marcio per l’appunto. Questa metafora riassume il filo conduttore di Mela Marcia, ovvero il deterioramento della persona, che avviene in modo graduale e porta alla morte, a cui è impossibile scampare.

Rocco Modello (vero nome di Chiello) scopre la sua anima, confidando i suoi dolori più profondi, in 13 brani, senza la presenza di alcun featuring; l’unica voce che parla è quella del rapper e questo ci fa capire quanto questo disco sia introspettivo.

Testi

Chiello introduce Mela Marcia con Tutti quanti dormono, un brano di nemmeno 1 minuto che racchiude l’intero concept dell’album: gli unici a poter mirare agli occhi i demoni che ci tormentano siamo noi stessi, e spesso questi demoni corrispondono alla stessa persona.

chiello mela marcia 1
Chiello

Il rapper condivide il suo rapporto conflittuale con le droghe e l’alcol in La mattina dopo, sfogando la sua sofferenza e dolore per l‘impossibilità di uscire da questo limbo infernale. Il tema dell’uso di stupefacenti non è l’unico trattato; lungo tutta la tracklisf, infatti, l’artista parla anche del tormento che si prova per la rottura di una relazione amorosa. Chiello indossa le vesti del tipico poeta del Romanticismo, afflitto da questo dolore impossibile da colmare, che cerca la sua amata perduta tra le righe delle sue opere.

Leggi anche:  Mace: "Con OBE, la mia musica ritorna a casa"

Nonostante la negatività che la vita può portare, c’è sempre un barlume di speranza; Chiello sa che la luce in fondo al tunnel esiste e non esita a voler uscire da questa condizione autodistruttiva. Il rapper ce ne parla in Benzo 2.

Volevo dirti che ho deciso di stare meglio, anche a costo di perderti.

Benzo 2, Chiello

Strumentali

L’arte poliedrica di Chiello emerge sempre di più in Mela Marcia: le note della chitarra e le sonorità elettroniche creano un connubio unico nel suo genere, che differenzia il rapper dagli altri suoi colleghi.

Le sonorità presenti nel disco accompagnano le tematiche delle canzoni, accentuandone il significato e le emozioni che l’artista vuole trasmetterci; Greg Willen e Mr. Monkey hanno curato l’intero sound, comprendendo appieno il concept che Chiello ha voluto trasmettere nel suo disco.

L’unicità del progetto è data anche da una chicca interessante: sono presenti due canzoni identiche nei testi, ma differenti nel beat. Benzo 1 e Benzo 2 rappresentano due facce della stessa medaglia: Chiello ci mostra come lo stesso concetto possa cambiare drasticamente solo modificando il sottofondo delle parole espressive di queste canzoni; in Benzo 1 il tema del cambiamento è affrontato in maniera più docile e sofferente, mentre in Benzo 2 si nota una maggiore aggressività.

Stile

Non ci sono dubbi: Chiello dimostra che, volendo, riuscirebbe a far emergere il suo nome anche nel genere pop punk. In Mela Marcia il rapper padroneggia due generi contrapposti tra di loro, a volte anche simultaneamente, riuscendo a creare una fusione vincente che caratterizza tutto l’album.

chiello mela marcia
Chiello

Il cantante, grazie al suo stile, riesce a creare una profonda connessione tra lui e il suo ascoltatore, creando un’atmosfera di profonda; raccontare i propri dolori rafforza sicuramente questo legame, difficile da solidificare.

Leggi anche:  FSK TRAPSHIT: la dimostrazione che il troppo stroppia

Questo concetto è maturato nel corso di questi due anni di assenza, lasso di tempo in cui Chiello ha vissuto sulla propria pelle le esperienze che narra nelle sue canzoni, conferendo un maggior senso di veridicità ad ogni parola.

7.5

Chiello - Mela Marcia

Con questa allegoria Chiello vuole evidenziare come la società ci costringa a cambiare per stare al passo con il mondo; ciò porta un senso di inadeguatezza nell'essere umano, che poi sfogherà la sua sofferenza nei modi descritti nell'album. Tema sicuramente difficile da affrontare, ma Chiello è riuscito a parlare di questa tematica con una leggerezza indescrivibile.

Testi

8.0

Strumentali

7.5

Stile

7.0

Pro

  • Un racconto autentico che spinge l'ascoltatore a riflettere
  • Tanti stili differenti mixati in modo perfetto

Contro

  • I temi sono spesso ricorrenti all'interno dell'album, rendendo l'ascolto pesante
Ti potrebbe interessare
News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 26 aprile 2024

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali 8 marzo 2024

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 22 settembre 2023

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 26 maggio 2023

Iscriviti alla nostra Newsletter