Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

NewsReport

Double Trouble: la battle di freestyle 2vs2

Double trouble

Il 12 gennaio 2024 si è tenuta all’Hiroshima Mon Amour di Torino una battle di Freestyle molto particolare, la Double Trouble, con Guè e Ricomendossa in giuria di cui avevamo già parlato. Ma capiamo meglio in che cosa consisteva.

La Double Trouble, organizzata da Dojo Crew, è una battle di freestyle 2vs2 senza teste di serie, ovvero qualsiasi coppia di partecipanti aveva la possibilità di accedere alla finale, nessuno escluso. Ma ciò che ha fatto davvero gola ai freestyler, oltre alla giuria d’eccezione, è stato sicuramente il premio in palio: 2002 €.

Le selezioni sono partite dal pomeriggio, oltre 70 freetyler si sono presentati all’Hiroshima per provare ad accedere alla finalissima, ma soltanto 16 di loro, divisi in 8 coppie sono rimasti in gara dopo il calar del sole. Alle ore 21 tutto era pronto per il grande inizio.

Come si è svolta la Double Trouble?

Dopo l’apertura con i live di Danny Loe, Zama e Sean Poly, è iniziata la presentazione delle coppie rimaste in gara. Ogni duo ha avuto un minuto di tempo a disposizione per scaldare i motori e per presentarsi davanti al pubblico dell’Hiroshima Mon Amour di Torino, che ha saputo accoglierli calorosamente.

Ecco le coppie di freestyler che sono riusciti ad accedere alla finale: Redrum-Chiasmo, Paride-Chengt, Lexto-Secco Baby, Nontrovounfottutonome-Problem, Vlad-Keis, Cuta-Giuss Dawg, Dono-Saimon Skant, Mumei-Cain.

Leggi anche:  Dutchavelli esordisce con Dutch From The 5th

A seguito della breve presentazione di ogni coppia, sono saliti sul palco i freestyler della Dojo Crew, i quali, invitando sul palco qualcuno dei presenti tra il pubblico, hanno intrattenuto l’Hiroshima Mon Amour con qualche barra, in attesa della presentazione della giuria. Il Dojo Crew ha fatto da padrone di casa, decidendo di non partecipare con nessun membro alla competizione.

Il pubblico scalpitava e l’atmosfera era caldissima in attesa dell’arrivo di un rapper che rappresenta Torino da anni, Ricomendossa sale sul palco dell’Hiroshima Mon Amour per un breve live prima di sedersi in giuria.

Rico Mendossa Double Trouble
Ricomendossa, giudice della Double Trouble

Ma le sorprese non sono di certo finite qui. La serata non poteva proseguire senza il secondo giudice. I freestyler al microfono e la folla in fomento stavano rendendo la serata particolarmente piccante così, dopo poco, l’arrivo di Guè infiamma definitivamente la folla e la serata può finalmente iniziare.

I concorrenti dei quarti di finale hanno avuto a disposizione quattro minuti di tempo per alternarsi sui quattro quarti e per avere la meglio sulla coppia avversaria. Il primo quarto di finale si svolge tra la coppia composta da Lexto-Secco Baby e quella composta tra Redrum e Chiasmo, con il trionfo della prima.

Il secondo quarto ed il terzo vedono trionfare rispettivamente le coppie Mumei-Cain e Paride-Chengt. I freestyer in gara non sono teste di serie certo, ma il livello rimane comunque ottimale e lo spettacolo garantito. La voglia di dimostrare le proprie qualità è tanta e questa, è sicuramente la piazza giusta dove poter dare sfogo alle proprie doti.

Leggi anche:  "Mi hai capito o no?" di Guè entra in rotazione radiofonica - Via al Guè Live 2023

L’ultimo quarto si chiude con il successo di Vlad e Keies, due giovani freestyler di Napoli che con la giusta motivazione sono riusciti a battere Cuta e Giuss Dawg, due importanti rappresentati del muretto di Milano. Lo spettacolo prosegue, ma solo dopo una breve pausa per tutti.

Gue-double trouble
Guè, giudice della Double Trouble

Per la ripresa dello show torinese sale sul palco Joelz che apre le fila con il suo live in attesa del secondo atto della Double Trouble. Le semifinali seguono la seguente impostazione: si inizia con il 2vs1 per poi passare a 4 minuti 2vs2.

La prima semifinale vede come ospite la coppia Lexto-Secco Baby contro Mumei-Cain. Uno scontro testa a testa, ricco di incastri e giochi di parole che hanno dato un assaggio di quello che sarà l’apice raggiunto in finale. La prima semifinale vede Mumei-Cain come vincitori, ma l’Hiroshima vuole sapere chi dovrà sfidarli.

Detto questo, si passa subito alle seconda semifinale che vede Paride-Cheng e Vlad-Keies come coppie sfidanti. Fuoco, stile, metriche e rime (per citare Legendary Lyricalz Punchlinerz dei One Mic n.d.r.) hanno reso unica quest’edizione della Double Trouble e la seconda semifinale vede il trionfo della coppia Vlad-Keies.

L’Hiroshima è pronto per la finale della Double Trouble, i freestyler rimasti in gara sono Mumei-Cain e Vlad-Keies e sono pronti per sfidarsi in questo freddo venerdì sera di gennaio. La battle inizia, ma nello stupore del pubblico non parte il beat ma partono i rapper acappella, servendo barre ed incastri freddi come la vendetta.

Leggi anche:  Shiva e la dualità “amici nemici” in Santana Season – La recensione

All’improvviso, il beat inizia a far battere le casse dell’Hiroshima ed il calore del pubblico inizia a farsi davvero sentire. La finale della Double Trouble Mumei-Cain e Vlad-Keies poteva ufficialmente iniziare.

Dopo 10 minuti intensi di barre, insulti e tanto amore tra i presenti, la finale si conclude. La giuria ha le idee chiare e i feestyler Vlad e Keies pure: sono loro che si portano a casa il premio della Double Trouble.

Tra gli applausi del pubblico e la soddisfazione dei vincitori si conclude quest’edizione della Double Trouble che, oltre ad aver visto il trionfo di due giovani, ha visto ancora una volta trionfare il rap.

Ti potrebbe interessare
NewsNews Ita

Nuova Scena, dal 19 febbraio su Netflix

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 19 gennaio 2024

8.0
Recensione

"Club Dogo": la lettera d'amore per i dogofieri

NewsNews Ita

Double Trouble: la battle di freestyle che non puoi perderti

Iscriviti alla nostra Newsletter