Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

ApprofondimentoZoom In

Mr Melt, il rapper di Roma Est ad Amsterdam. Track by Track di Justice

Mr melt

Mr Melt, rapper romano e attivo ad Amsterdam ormai da anni, gioca le sue carte al fianco di KML, nota etichetta indipendente di Amsterdam che da un po’ di tempo si sta facendo notare per le uscite discografiche, basta pensare a Musica Sacra di Oyoshe e Rome Streetz o Sachet di Sesto Carnera con Bub Styles, e i suoi eventi, fra cui Ensi, Colle Der Fomento e come ultimo quello in arrivo nel 9 febbraio con Alien Army.

Dopo la pubblicazione di The Hanged Man nel 2021 e Death nel 2022, la saga di Mr Melt continua con la pubblicazione di Justice. Il riferimento ai tarocchi è evidente e, nel caso del nuovo disco, abbiamo chiesto all’artista stesso di raccontarcelo traccia per traccia!

Justice di Mr Melt: il track by track

1.Intro (Sunday)

Inizio questo viaggio musicale in modo chill, tendando di adattare le mie emozioni su un beat diverso da quello che uso di solito. Prodotto da il beat ha una vibe tipicamente lo-fi, con un suono rilassante che prova a scacciare i pensieri nefasti di un’anima stanca provata dalla vita e dai sacrifici. Il beat è chill ma il mood altalena tra liriche veloci e incalzanti anche se con toni tristi, nostalgici e disincantati, andando a toccare un largo specchio di emozioni.

2.Nightshift

La voce un pò roca, rotta dall’emozione mentre racconto una storia gloriosa, ma miserabile allo stesso tempo. La voglia di arrivare al top, senza però vendere né l’anima né il culo. Qui acconto sfumature della vita passata, miste a storie vissute e viste da vicino in prima persona. Il beat di J.O.D crea la giusta atmosfera per questo pezzo disincantato che sa di strada; come il sapore dell’asfalto della periferia misto all’odore della pelle degli interni di un mercedes.

Leggi anche:  BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 31 maggio 2024

3. La Mossa Kansas city

Questa traccia è decisamente una delle più aggressive dell’album, un classico moderno. Dj Fastcut ha firmato questo suo beat con degli scratch che sembrano riportarci alla golden era dell’hiphop. Il pezzo ha due strofe piene di punchline. Quintali di barre.

4. No Confetti

Prodotta da Skinny Pit, anche questo pezzo ha il sapore del classico moderno. Nel brano si respira un’atmosfera degna del 98. Mi affiancano le voci potente di McGyver, uno dei più potenti Mcs e freestyler olandesi e quella di Mad G. Anche questo è un pezzo pieno di punchline aggressivo, da palco. Questo è un inno alle 4 discipline, un invito a tutti a non svendere la propria arte in nome della moda e del sound del momento e ad investire nel proprio stile personale piuttosto che provare a seguire la wave del momento.

Justice 1
Copertina di Justice, il disco di Mr Melt

5 Rap Gods

Qui c’è il featuring di Lord Madness sul beat di . Il Beat è fresh e a tratti oldschool. Il moderno si sposa con il classico. La 808 con il boombap. Rap Gods è uno tsunami di punchline. Immaginatela … due rapper di Roma Est, Mr Melt e Lord Madness, che sembrano colpirti in pieno plesso. Io ho tirato fuori me stesso come non mai, creando un mix armonioso e “smooth” di italiano e inglese che ricorda a tutto il pubblico la facilità nel chiudere rime in entrambe le lingue. Una combinazione perfetta per ribaltare ogni palco e far muovere la testa al pubblico.

Leggi anche:  Metal Carter, annunciato il nuovo album "Musica per vincenti" in uscita l'8 aprile

6. Just Ice

Il beat esotico quasi arabeggiante di Doc Ketamer, il flow tipico della scuola napoletana di Oyoshe e le mie metafore vanno a incastonarsi perfettamente come un diamante dal taglio perfetto e dalla purezza esagerata dentro ad un pendente in oro bianco 24k. Se il Rap fosse un gioiello questo sarebbe il Kohinoor.

7. Tyler vs Jack

Questo è un viaggio nella mente di Mr Melt, la mia mente!. Il titolo fa riferimento ai due personaggi principali del film Fight Club, Tyler Durden e Jack (il narratore). Qui racconto di storie di vissuto personale miste a viaggi onirici. Il pezzo è composto da un beat fresh di Doc Ketamer, da toni cupi, liriche extrabeat e cambi di flow. Il titolo è anche un riferimento al disturbo bipolare e all’insonnia, argomento chiave anche del film al quale si riferisce la canzone. Con la frase finale chiudo un capitolo, una storia. È il finale del progetto.

Conosci meglio

lacasadelrap.com è un portale focalizzato sul Rap ma attento anche a ciò che ne è affine, spaziando tra la cultura Hip Hop, la Black Music e la scena Urban. Vero punto di forza è l’attenzione verso aspetti solitamente meno approfonditi, come la scena emergente e quella femminile. Altra importante caratteristica è il suo staff eterogeneo e dislocato in tutto il territorio italiano, capace di valorizzare anche le realtà meno in vista.
Ti potrebbe interessare
7.2
Recensione

D.N.A. , l'hip hop nel DNA e nelle vene di Napoli

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 31 maggio 2024

News

Sta per arrivare Uppercut block party dedicato alla cultura Hip-Hop

Intervista

Ellie Cottino, La mia gente è il singolo prima del disco - Intervista

Iscriviti alla nostra Newsletter