Segui le nostre dirette sul canale IGTV di @lacasadelrap

Recensione

Jap & Paggio, l’artigianato è Old But Gold

Jap-&-Paggio

Jap & Paggio sono un duo hip hop/Funk di Verona che prende corpo nel 2010. Il collettivo ha pubblicato due album ufficiali (Ill Rap nel 2009, Bombe a Mano nel 2012). L’ Ep Hiphopcrisia è datato 2013.

A più di dieci anni di distanza, il duo ha deciso di riproporre un progetto ufficiale e presentarsi sul mercato in un momento storico estremamente particolare per il rap italiano. Jap & Paggio propongono un prodotto basato su un sound differente, che si focalizza su un funk anni ’70 e si lascia influenzare dalla east coast.

Il suono viene però rivisitato in chiave contemporanea perché Jap & Paggio concettualmente hanno ideato un prodotto dai tappeti musicali al passo coi tempi. L’ album si intitola Old But Gold e contiene le collaborazioni di Efeizee, Ares, Numb, Flesha, Ciopi, Capstan, Zeus One, DJ Berthony, il Sax di Daniele Pasquali e il basso di Matteo “RED” Ignorato.

Nel raccontare il disco, gli artisti si sono espressi così:” Questo è un viaggio dove ciò che balza all’orecchio è proprio lo studio di base, l’esperienza e la fortuna di aver vissuto l’arrivo dell’Hip Hop in Italia dagli albori, senza mai rinnegare l’evoluzione dello stesso nelle decadi, ma sapendosi maliziosamente adattare alla sua corrente, al suo flow, al suo messaggio che perdura nel tempo.

Questo concetto lo avevamo già espresso in Manette. Noi siamo noi. Senza costrizioni, senza impedimenti, senza imposizioni. Siamo legati al passato, ma guardiamo avanti e lo facciamo con passione, consapevolezza e rispetto. Siamo pronti ad una storia d’amore seria e duratura con l’hip hop: d’altronde, siamo di Verona no?

Leggi anche:  Asher Kuno e Non Dire Chaz, Sapori Forti

Testi

Non lasciatevi ingannare dai ritornelli melodici presenti in Old But Gold: nonostante da questo punto di vista, l’album sia molto orecchiabile, Jap & Paggio apportano contenuti al progetto. Il duo si focalizza anche su temi sociali, come nel caso di Big Planz  pt. che analizza la questione della legalizzazione.

Critiche alla mentalità superficiale odierna sono ravvisabili in episodi come Bullshit, Manette e Nicotina. Jap & Paggio in alcuni passaggi delle canzoni appena citate, non risparmiano frecciatine alla scena rap italiana odierna e neanche al mercato discografico.

Jap-&-Paggio

Old But Gold presenta troppi riferimenti autobiografici e questo non aiuta a variare gli argomenti. La penna dei due artisti punge ma le modalità con cui i contenuti vengono proposti, possono ingannare l’ascoltatore superficiale: è innegabile che quasi tutti i brani di Old But Gold abbiano uno stampo melodico ma non per questo scadono nel pop melenso e anzi, in vari passaggi riescono a proporre interessanti punti di vista.

Strumentali

Old But Gold parte da un presupposto funk anni settanta influenzato dalla east coast ma tutto ciò viene adattato al contesto musicale odierno. Immergendosi nell’album è evidente sin da subito che le atmosfere proposte rimangono estremamente legate alle radici.

All’interno dell’album c’è spazio per il funk più puro di Big Planz pt. || il suono gangsta di Bullshit, il classic di Don’t Stop, Guastafeste, L’Ho Fatto, La Formula, Che Cazzo Vuoi e Nicotina.

Jap-&-Paggio

L’accogliente soul di Fino Alla Morte e Manette è un’altra chicca che si aggiunge al bel tappeto sonoro interamente concepito  da Paggio. Musicalmente parlando, l’album è un prodotto che non mira ad entrare in alcuna playlist e anzi quasi si discosta dal mood melodico dei ritornelli.

Leggi anche:  BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 12 novembre 2021

Stile

I ritornelli melodici e fortemente d’impatto sono un tratto distintivo di Old But Gold. La scelta di impostarli in questa maniera favorisce l’alta rotazione dei brani e potenzialmente li catapulta in contesti differenti.

Jap & Paggio rientrano nel panorama musicale italiano con uno stile decisamente inusuale e che nel nostro paese è stato calcato in passato ma oggi non è quasi più ravvisabile. I due artisti scelgono di pubblicare un progetto al passo coi tempi ma che preleva il suo sapere da realtà hip hop più datate.

Tutto questo ci apre ad una riflessione che è poi il punto di forza di Old But Gold: l’album offre un suono estremamente hip hop, dei testi con contenuti sociali o autobiografici e dei ritornelli al passo coi tempi, melodici, adatti alla massa.

Il mix può senza alcun dubbio risultare vincente, anzitutto perché è credibile e studiato. C’è una qualità intrinseca dovuta all’esperienza dei protagonisti che favorisce la sintonia delle varie componenti coinvolte.

jap paggio 3
7.7

Jap & Paggio - Old but Gold

Old but Gold è un progetto che trova un equilibrio interessante tra il suono classico e le melodie attuali. I testi proposti affrontano tematiche sociali e le esperienze dei protagonisti. Il sound è azzeccato e quasi in controtendenza con i ritornelli. Lo stile di Jap & Paggio è un tratto distintivo sempre meno evidente in Italia.

Testi

7.5

Strumentali

8.0

Stile

7.5

Pro

  • Suono hip hop e ricercato
  • L'album affronta temi sociali
  • Equilibrio tra passato e presente
  • Uno stile inusuale

Contro

  • Troppi brani autobiografici
  • Cover forse poco visibilmente in linea con il concept
Ti potrebbe interessare
ApprofondimentoZoom In

Dream, il ritorno di E.L.F.O. Track by Track del disco

News

BUS – Bollettino Uscite Settimanali del 22 marzo 2024

NewsNews Ita

Asher Kuno e Non Dire Chaz, Sapori Forti

Intervista

Zampa, Capstan e Manny Mani ci raccontano "Chi tocca i fili muore"

Iscriviti alla nostra Newsletter