Joey Bada$$, un nuovo singolo e il "no" a Trump

Quando si cambia casa si fa una festa, e non importa se sei uno studente universitario al terzo trasloco in due anni o il nuovo Presidente degli Stati Uniti. La differenza fondamentalmente è il budget. Se lo studente universitario punta su due casse di birra e la playlist, quella giusta, che si è costruito pian piano su Spotify, Trump ha chiamato qualche star della musica. Non tutti però hanno risposto "Sì". Per esempio, sembra che Joey Bada$$ abbia rifiutato l'invito a esibirsi alla Casa Bianca. "Fatto divertente, Trump ha chiesto a Joey di esibirsi all'inaugurazione. Gira e vai via", ha scritto in un tweet Jonny Shipes, fondatore dell'etichetta Cinematic Music Group che ha sotto contratto Bada$$. Come se non bastasse, sempre nel giorno dell'insediamento del nuovo presidente, il rapper ha fatto uscire il primo singolo dal suo album di prossima release, "AABA".
 


In "Land of the Free" Joey non fa niente per nascondere quello che pensa sul nuovo presidente: "Donald Trump non ha i mezzi per prendere il controllo di questo Paese", dice nel pezzo. "Scusa America, ma non sarò un tuo soldato".

Francesco