Zoom In #14: SammyBoy & BigRule - "Stalkers"

Salve amici internauti e benvenuti alla puntata numero quattordici di Zoom In, la rubrica di approfondimento de La Casa Del Rap in cui gli artisti ci raccontano, traccia dopo traccia, un loro progetto discografico. Gli ospiti di questa puntata sono il rapper e beatmaker ravennate SammyBoy - al secolo Simone Amati, classe '88 - ed il rapper BigRule - al secolo Nicola Tarlazzi, classe '93 - che ci presenteranno "Stalkers (Canzoni D'Amore)", che sarà disponibile da giorno 1 marzo per l'etichetta indipendente siciliana GreenLine Label.
I due rapper emiliani-romagnoli si sono conosciuti nella seconda metà degli anni duemila, fronteggiandosi sul palco a colpi di punchline durante un contest. In seguito, hanno collaborato diverse volte trovandosi sempre più in sintonia tra loro fin quando hanno deciso di unire le forze in un progetto musicale comune. Ecco, dunque, che vede la luce "Stalkers (Canzoni D'Amore)": dodici canzoni, tutte prodotte da SammyBoy, tranne "Donne & Ukulele" co-prodotta con BigRule e la bonus track "Self Made" prodotta da Amestris & Sax. Quest'ultima traccia è l'unica del progetto contente una collaborazione al microfono: Moder.
Il comun denominatore di "Stalkers" è la donna. Il disco infatti è dedicato a tutte le donne, alle loro personalità e differenze così come vengono percepiti dall'universo maschile. Ogni canzone, infatti, ripercorre e analizza le esperienze dei due rapper con il gentil sesso. Non mancano i giochi di parole, l'ironia e anche un po' di sana ignoranza. Adesso, ringraziandoli per la disponibilità, passo il testimone agli ospiti che, traccia dopo traccia, ci racconteranno "Stalkers".


 
01. #31#
Intro dell’album, elogio alle chiamate anonime. Una voce misteriosa fa un breve monologo narrando la storia degli “stalkers” che da un momento all’altro possono uscire dai vostri telefoni. Segue immediatamente un esempio, con la testimonianza di una ragazza vittima di questi pazzi.

02. Tulipani
"Tulipani" parla di un appuntamento finito male, anzi, mai iniziato. L’idea è nata dall’amico rapper Il Figlio di Sam, che ha scritto insieme a SammyBoy il ritornello e parte della sua strofa, poi purtroppo hanno dovuto fermare il progetto, riaprendolo con l’arrivo di BigRule dopo qualche mese. I due protagonisti aspettano sotto casa la rispettiva ragazza che purtroppo si sta preparando per uscire con un altro uomo. Inizia così un disperato inno d’amore, che parla di fiori e cavalli, rendendo la loro situazione molto imbarazzante: “tu mi chiami e vengo con i tulipani come tu mi vuoi” recita il canto.


03. Friendzone
SammyBoy fece partire in studio questa base, pianoforte e sax riempirono la stanza. “Come ci rappiamo qua?”. Ecco... non abbiamo rappato. Con l’aiuto di due ragazze abbiamo cantato questo tipico, dannato caso di amore non corrisposto che ognuno di noi ha vissuto almeno una volta nella vita. Due ragazzi si innamorano delle loro migliori amiche che, come in ogni storia che si rispetti, non vogliono sentire parlare di una relazione amorosa. Buffi scambi di battute in chiave soul e trombe che sanno di jazz fanno da sfondo a questa piccola storia che parla di un dramma moderno, come la friendzone.

04. Stalkers
Title track del disco in cui diamo il peggio di noi con rime sulla pornografia e riferimenti a film splatter degli anni ‘80. Eravamo in studio con un amico mentre ascoltavamo in loop la base e sulle note finali del ritornello è uscita la frase “sono in città”, che sembrava starci perfettamente. Tutta la brutalità a nostra disposizione è concentrata in questa traccia, rendendo l’ascolto dell’album più elegante ed educato.

05. Gineceo
SammyBoy ha iniziato a fare una lunga lista in rima di ragazze (che forse conosce bene, in ogni senso) dalla bionda alla brutta, dalla cicciona alla milf, sembrava divertente, di sicuro eccitante. Dal greco “ambiente di sole donne”, come più o meno la mente di chi ha scritto questo album… Un elenco esagerato di tipi di ragazza con cui si può avere a che fare, in modo schematico e un tantino hot. La sessualità fa da padrona tra le righe del testo.  

06. Skit

07. Philophobia
BigRule era così arrabbiato nei confronti della sua ex ragazza che avrebbe fatto di tutto pur di farla soffrire come lei ha fatto con lui. Ha scritto il ritornello dopo il primo ascolto della base, senza riflettere, senza pensare. Il risultato rese euforico SammyBoy, così decidemmo di proseguire su quella sofferenza cantata in modo serrato e veloce. La paura di innamorarsi o di volere bene a una persona è cosa comune in tutti, che poi si lasciano andare perché amare è un bisogno primordiale. Ma quando questa cosa diventa una vera e propria fobia? Quando la ragazza che ti ha spezzato il cuore si trasforma in ossessione e il sonno, la fame, la felicità iniziano a non essere più presenti nelle tue giornate? Un pianoforte malinconico accompagna il disperato canto che parla dell’amore trasformato in rabbia e ferocia, alludendo a un imminente suicidio…  


 
08. Villani
Uno dei nostri sogni comuni era organizzare una parata in costume in centro a Ravenna. Vedere la piazza piena di mascotte, supereroi e cartoni animati che mettono a soqquadro la zona tra i turisti spaventati sarebbe stato un gran divertimento. Ecco l’idea di un video musicale. Purtroppo non era semplice a livello legale fare una cosa del genere, così abbiamo virato sulla scelta musicale e basta. Siamo cresciuti guardando i cartoni animati, come tutta la nostra generazione, ma abbiamo nutrito un malsano affetto nei confronti di chi aveva il compito di uccidere il buon protagonista, i famosi “Villains”. La canzone parla di un mondo al contrario, dove finalmente i supercattivi possono far valere la loro bestialità e cattiveria in un mondo ormai distrutto e privo di salvatori in costume.  

09. Mark Stalkerberg
Lo facciamo tutti. Tutti noi abbiamo scritto a una ragazza su Facebook cercando di approcciare risultando viscidi e schifosi. È la cosa più facile del mondo! Due nerd sfigati mostrano la loro incapacità di abbordaggio con una serie infinita di ragazze belle e piene di ammiratori. Purtroppo non finisce bene. Tra ban e blocchi utente, la canzone parla di quanto sia difficile oggigiorno poter uscire davvero con una ragazza, diminuendo così la naturale socializzazione dell’individuo. In origine il pezzo si chiamava “Ricardo Lopez”, come un noto stalker che, innamorato di una cantante, si suicidò davanti a una telecamera (il video è diventato virale e lo si trova facilmente in rete).  

10. Donne & Ukulele
BigRule ha pubblicato sulla sua pagina alcuni video dove, accompagnato dal suo ukulele, canta piccole strofe sull’amore in modo ben poco ortodosso. È stato quindi deciso di unire le idee e realizzare una canzone che racchiuda le strofe e l’ukulele di BigRule, un pianoforte suonato da SammyBoy e basso e beatbox realizzati da due amici. Donne & Ukulele è un piccolo calmante per abbassare la pressione del disco.  

11. Outro

12. Self Made (feat. Moder)
L’album si chiude con l’unico featuring presente, quello con l’amico di una vita, Moder. Atmosfera cupa ed elettronica, tre strofe senza ritornello per ricordarsi che il rap è anche questo. Tecnicismi e metriche serrate farciscono questo ultimo ascolto. Così, tanto per chiudere in bellezza.  
 
Anche questo quattordicesimo episodio di Zoom In è giunto al termine. Nell'attesa di conoscere i vostri feedback sulla rubrica e sul lavoro approfondito, vi salutiamo e vi diamo appuntamento al prossimo episodio.
 
A cura di Carmelo JP Leone
(Twitter: @carmelojp)