18 dicembre 2017
Interviste

Abbiamo intervistato Ketama126, fuori con l’album Oh Madonna

>davidebuda davidebuda
ottobre 03, 2017

Ketama126 fa parte di quella scena romana che sta facendo un sacco parlare di se. La sua crew, la Love Gang CXXVI (126, per chi non avesse dimestichezza con i numeri romani), sta monopolizzando la nuova scena rap/trap italiana. Abbiamo fatto quattro chiacchiere con il rapper e producer, fuori con “Oh Madonna“, il suo primo album solista.

Guarda il video di "Lacoste"

Ciao Ketama, benvenuto ne La Casa Del Rap. Vorrei iniziare con una domanda molto semplice: cos’è per te la trap e cosa significa per te fare trap?
Non mi piacciono molto le etichette. Penso che la trap abbia aperto nuovi orizzonti di melodie per fare musica. A me piace la musica in tutti i suoi aspetti: il rap e basta ne affronta pochi, la trap, invece, sfrutta tutti gli aspetti della musica. Per come la vedo io è un po com’è stato con il rock’n roll.

In “Mappamondo” affermi: non sto salvando il mondo, sto salvando me stesso e i miei!. Ci troviamo in un periodo dove la musica può cambiare significativamente la vita delle le persone: come ha cambiato la tua? Questo cambiamento è sempre stato in positivo?
La mia vita non è cambiata con la musica percée è una passione che io ho sempre avuto ed è sempre stata un faro per me, anche quando la facevo per me stesso e basta. Però, se non avessi avuto una passione come la musica, che mi spinge a pormi degli obbiettivi, non so cosa avrei fatto nella vita. Probabilmente niente di positivo.

In “Fiocco di Neve” viene presentata una situazione amorosa, dove l’amore riesce in qualche modo a modificare quello che è il tuo atteggiamento distante. Affermi poi che ciò che conta per te sono solo i soldi. Come vivi l’amore? Quanto conta per te?
Non so che rapporto ho con queste cose: non sono uno psicanalista che si psicanalizza da solo. So che senza non si vive bene.

Guarda il video di "Piccolo Kety"

Nei brani è presente un richiamo frequente al consumo di droghe leggere. Che rapporto hai con esse e quanto pensi influiscano sulla tua capacità di scrittura?
Nel disco faccio riferimento a droghe leggere, ma soprattutto a droghe pesanti: sono quelle che influenzano negativamente davvero la vita della gente. La marijuana, per come la vedo io, non è nemmeno droga, ma una pianta e basta. Fumo canne tutti i giorni da quando ho 15 anni e continuerò a farlo per altri anni e anni senza considerarlo un problema. Mi rattrista vedere l’accanimento delle guardie, dei politici e dei media su una pianta, quando vedo tutti i giorni spacciatori di eroina o cocaina in tutte le zone di Roma. Nella mia città è più facile trovare cocaina e eroina che erba: questo mi rattrista molto.

L’album vede la collaborazione di tutta la tua crew. Perché questa scelta? Perchè non includere qualche altro tuo collega trapper all’interno del lavoro?
Perché non sono un trapper e credo che gli unici al mio livello sono i miei amici.

Il tuo album sta vedendo un grosso successo tra gli amanti della scena trap. Te lo aspettavi? Alcuni affermano che sia il miglior album trap dell’anno: sei d’accordo? Cosa pensi dei tuoi colleghi? Qual è per te l’album migliore dell’anno?
Il disco ha avuto esattamente il riscontro che mi aspettavo, ovvero un buon riscontro a livello underground, ma poco a livello commerciale. Mi fa molto piacere che sia considerato un bel disco perché l’unico obbiettivo che mi ero posto era fare un disco bello e vero. Chiaramente, lo penso anche io che sia il migliore disco trap a pari merito con “Romanzo Rosa” di Pretty Solero che uscirà a breve. Se non avessi pensato di essere il migliore non sarei stato qui a perdere tempo. Dei miei colleghi non penso niente perché in realtà non ho colleghi, tranne il resto della 126, che è la mia crew, quindi avrei solo cose positive da dire su di loro.





Dove possiamo reperire “Oh Madonna”?
Il disco è fuori su tutte le piattaforme digitali e lo si può ordinare, in versione fisica, insieme al mio merchandising ufficiale, direttamente dal mio sito www.ketama126.com

Ascolta "Oh Madonna" di Ketama126

Comments