22 novembre 2017
Interviste

Juel ci presenta “So Blu” in questa intervista

>Jammai Jammai
novembre 06, 2017


Cantautrice, ballerina e modella.
Talento, carattere ed esibizionismo.
Innata dominatrice del palco, icona di stile e guerriera.

Tutto questo è Juel, artista poliedrica cresciuta nell’ambiente Hip Hop e romano in grado di utilizzare qualsiasi forma musicale per trasmettere al pubblico il proprio messaggio. Cresciuta facendosi strada tra le difficoltà della vita, tra le angherie della gente e la superficialità del vivere, affina una tagliente determinazione per raggiungere i suoi obiettivi senza scendere a compromessi.

In anteprima per lacasadelrap.com l’abbiamo intervistata per farci raccontare il suo nuovo singolo “So Blu”. Dopo aver pubblicato i brani “AAA Cercasi”, un’ironica provocazione sulla debolezza dell’essere umano, e l’accattivante “Dormi bene, Juel è torna con una traccia positiva che infonde calma e serenità anche nei momenti più tristi.
“So Blu” racconta dell’approccio alla tristezza attraverso un “dialogo musicale” con se stessi riflessi nello specchio. Il rifiuto per questo sentimento apparentemente negativo e spesso incomprensibile si evolve in una totale accettazione delle straordinarie sfumature emotive della vita, dai più svariati colori.
Sul set del video, realizzato al Lumina-Sense di Roma, la coppia Fabio TarantinoSimone Mogliè, rispettivamente regista e direttore della fotografia, ha diretto un cast tecnico e artistico eccezionale. Tra gli ospiti spicca Sponky, ballerino e coreografo di fama internazionale.
Due le partnership importanti: la Sponky Style Academy di Firenze e l’Accademia del Trucco di Roma.

Guarda in anteprima il video di “So Blu” su YouTube

Benvenuta Juel.
Parliamo di “So Blu”, il tuo ultimo singolo. Già al primo ascolto, la cosa che emerge con maggiore forza è la qualità. Quanto conta per te la cura del dettaglio? Melodia, ritmo, coreografia, look, tutto impeccabile.
Io sono per natura perfezionista e cerco di dare il meglio di me in ogni cosa che faccio sino a sfiorare il maniacale…a volte ritorcendomisi contro. Penso che i dettagli facciano la differenza soprattutto di questi tempi dove sembra tutto omologarsi ad uno standard prestabilito dai numeri. Nella musica questa caratteristica la applico in tutto. La mia musica non è un alternarsi di loop bensì una sequenza di armonie suonate “a mano” anche da me stessa, in favore della linea melodica della voce. Lavoro al fianco di un musicista che è la mia ombra e il mio braccio destro, che mi aiuta ad esprimere quello che ho dentro. La melodia mi viene di getto , considero il messaggio che voglio trasmettere e mi lascio guidare dal sentimento, poi perfeziono tutto con la ricerca sonora e molto molto ascolto. La stessa cura la ripongo nel look facendo particolare attenzione al dettaglio che se non ponderato può essere fonte di malintesi, destabilizzando il messaggio musicale.

Raccontaci il cuore del brano. Hai associato l’emotività ai diversi colori, dove il blu in qualche modo spicca sugli altri. Come mai?
Attraverso un percorso personale mi sono ritrovata a fare i conti con una tristezza immotivata… apparentemente…
Cerco di capire sempre il motivo di tutto e di trovare una soluzione. In questo caso la soluzione era accettare qualsiasi cosa mi stesse succedendo lasciandola fluire dentro di me. Il Blu è il colore attribuito alla tristezza e alla calma nonché alla spiritualità. Nella canzone creo un mondo blu dove poter vivere in serenità accettandosi per quello che si è.

Non si può non soffermarsi sulla coreografia. Che valore ha per te rimarcare ad ogni occasione il legame inscindibile che c’è tra musica e ballo?
Il mio percorso artistico è iniziato da molto piccola con la danza. Avevo già le idee chiare su quale fosse la mia vocazione e ne ho fatto subito il mio obiettivo. Con determinazione e costanza mi sono dedicata allo studio di molti stili, dall’hip hop alla danza classica. Ho lavorato molto come ballerina televisiva e teatrale sino a che ho sentito la forte esigenza di trovare una nuova fonte artistica per comunicare il mio pensiero troppo grande per essere contenuto in un format televisivo superficiale. Ho sempre amato scrivere in qualsiasi forma e con i miei amici dell’ambiente rap underground ho imparato a buttare giù rime, ma ho avuto troppi input musicali differenti per limitarmi ad un solo genere, quindi ho iniziato a contaminare la mia musica senza impormi limiti stilistici.
Ad ogni possibilità che mi si prospetta dinanzi trovo il modo  di metterci anche la danza perché continua ad essere parte integrante di me.
Faccio la cantante per un’esigenza di comunicazione ma rimango anche una ballerina!





Sappiamo che nel cassetto c’è un album: quali saranno i prossimi passi d’avvicinamento?
Ho deciso di mantenere una timeline piuttosto dinamica che prevede l’uscita di un altro singolo a distanza ravvicinata da So Blu; successivamente la pubblicazione di un EP entro la fine dell’anno e un altro con l’inizio del nuovo! Insomma ho molto materiale da farvi ascoltare! State pronti!

Prima di chiudere ricordaci tutti i tuoi contatti.
A presto!
Mi piace mantenere i rapporti con le persone che mi seguono informandole costantemente sulle mie iniziative. Attraverso il sito www.juelmusic.it potete raggiungere i miei social, il canale youtube e rimanere sempre aggiornati.

Foto: Lumina Sense art lab
Stilista: Luca Zingaretti Couture
Trucco: Letizia Pepponi


Carlo Piantoni
Redattore
<p>Superstite del forum, qui scrivo ancora con la passione di un utente. Con un focus sul panorama italiano, più che scrivere di rap lo ascolto e lascio spazio ai suoi protagonisti.</p>

Comments