14 dicembre 2018
Interviste

4HIPHOP, workshop gratuiti per coinvolgere i giovani

>Giuseppe "Uait" Tosto Giuseppe "Uait" Tosto
Apr 14, 2018

Manca ormai pochissimo all’inizio di 4HIPHOP, il progetto della cooperativa sociale o.n.l.u.s. Albatros di Legnano (MI),di cui lacasadelrap.com sarà media partner, che coinvolgerà 3 rapper e 1 rapper/beatmaker in 4 distinti workshop dedicati all’Hip Hop, sia per quanto riguarda la scrittura creativa che per il lato producer.

I workshop saranno totalmente gratuiti e aperti a tutti. Si terranno all’interno del Liceo d’Arconate e d’Europa, in piazza San Carlo 3 ad Arconate (MI). Ogni incontro avrà inizio alle 16.30 del sabato indicato e avranno durata di 2 ore.

Ecco il calendario dei laboratori:

  • Sabato 14 aprile: EGREEN
  • Sabato 21 aprile: JACK THE SMOKER
  • Sabato 5 maggio: MISTAMAN
  • Sabato 12 maggio: BASSI MAESTRO

Partiamo dalle basi: cos’è 4 Hip Hop?

4 HIP HOP è un’idea prima di tutto, è un progetto che per noi rappresenta il punto di partenza. L’iniziativa nasce con la volontà di dare contenuto a questa cultura e creare un gruppo propositivo, capace cioè di farsi contaminare dall’incontro con le persone e che possa offrire spazi di condivisione e di crescita.





L’hip hop per noi vuole essere strumento educativo proprio per le caratteristiche intrinseche che ha: la libertà di sperimentare la propria creatività, di spaziare senza nessun tipo di limite, la regola necessaria per dare forma al pensiero e il senso di appartenenza che crea.

Come e da chi è nata l’idea di creare questo progetto? quali obiettivi ha?

Albatros lavora da un anno con il comune di Arconate nell’ambito del progetto giovani “Frame”, progetto finanziato dall’assessorato ai servizi sociali, volto a conoscere i bisogni dei ragazzi nel proprio comune e progettare iniziative che partano dagli interessi stessi dei giovani.

Da un lato infatti, l’esperienza decennale di Albatros nella realizzazione di percorsi educativi e laboratori esperienziali utilizzando come strumento l’hip hop, dall’altro la presenza di ragazzi interessati al tema, hanno generato un gruppo di lavoro entusiasta e propositivo. Il progetto si propone in primis di attivare i ragazzi rendendoli protagonisti e responsabili delle loro proposte, quindi vivere l’hip hop come esperienza collettiva attraverso cui passano principi quali il rispetto, la collaborazione, il fare insieme.

Come si svolgeranno, nella pratica, i workshop?

I Workshop saranno un vero e proprio momento di confronto con l’artista che ci parlerà della sua crescita attraverso l’hip hop, di come una passione possa trasformarsi in un lavoro e del percorso che li ha portati a raggiungere i propri obiettivi.

Seguirà poi un approfondimento dell’artista su un particolare aspetto della scrittura o del beatmaking…quello però sarà una sorpresa!

Perché avete deciso di coinvolgere proprio questi artisti? C’era qualcun altro che avreste voluto, oltre a
loro?

La scelta degli artisti è partita dall’interesse dei componenti del gruppo organizzatore, che ha scelto sulla base dell’interesse personale e sulle attitudini che riconoscono negli artisti. La scelta è caduta poi su artisti che potessero contare su un’esperienza importante che ha visto trasformare le loro passioni in un lavoro.

Questo aspetto ci sta molto a cuore perché in un tempo in cui risulta complicato per i ragazzi immaginarsi nel futuro, allora è importante creare spazi di creatività, in cui poter mettere in gioco le proprie attitudini e autorizzarsi a credere nei propri sogni!

Cosa succederà una volta concluso questo ciclo di laboratori? Avete altri progetti sulla cultura Hip Hop?

Sicuramente, grazie anche all’appoggio del comune, continueremo a lavorare sul progetto 4HIPHOP… Quale forma prenderà lo vedremo al termine di questi 4 sabati. Abbiamo in mente di allargare il gruppo e farci contaminare dalle persone che incontreremo durante il percorso.

Abbiamo già ricevuto qualche proposta per organizzare eventi, progetti di arte urbana e laboratori dj… Vi terremo aggiornati!

Giuseppe Tosto
Redattore
Speaker radiofonico, psicologo ed amante del rap, in particolare italiano, alla perenne ricerca dell’originalità