19 aprile 2019
Zoom In

Grein percorre tutte le tracce del suo album MCMXCIX

>Carlo Piantoni Carlo Piantoni
Gennaio 28, 2019

Buon inizio d’anno con la rubrica Zoom In!
Per partire con una scommessa, la nostra puntata è andata su un giovane rookie classe ‘99. Pubblicato lo scorso 4 gennaio 2019 per Honiro Rookies, abbiamo deciso di chiedere a Grein di raccontarci traccia dopo traccia il suo progetto di debutto MCMXCIX, un lavoro breve ed intenso visto che raccogli 11 tracce in soli 25 minuti.

MCMXCIX è il mio primo disco. – spiega Grein – La mia nascita, da qui il titolo: 1999, il mio anno di nascita, scritto in numeri romani perché Roma è la citta che mi ha cresciuto. La bambola nella copertina sono io, Gianluca; gli aghi, che Grein infilza nella bambola, sono le esperienze. Spesso vivo la mia vita in una sorta di depersonalizzazione, ma alla fine, tutto va ad incidere su di me, a volte senza rendermene conto. Scrivere è come fare un inventario della mia vita. Tutte le tracce, anche quelle con più ego trip, hanno sempre sullo sfondo una storia personale che mi ha segnato”.

Direi che possiamo mettere in play.

Ascolta MCMXCIX su Spotify

01. Intro

L’intro è il biglietto da visita del disco.
Da subito si sente un mood cupo e personale e già nella prima barra viene messa in chiaro una cosa per me fondamentale: non conta vincere o perdere, bisogna comunque dare il massimo. Penso spesso al futuro e ogni giorno combatto perché sia quello che ho sempre immaginato. Non ci sono piani B.

02. Giganti

Non conta essere piccoli dal punto di vista mediatico, o fisico o di età. Il vero gigante è dentro di noi e nei nostri comportamenti, prima o poi verrà fuori.





03. Amnesia

Un mix di frenesia e aggressività, proprio come piace a me. Un flusso di coscienza e divertimento. Questa Amnesia mi fa volare.

Guarda il video di Amnesia su YouTube

04. Radici

Un inno a ciò che sto creando, all’impegno e all’autenticità che c’è in questa musica.

05. Sveglio

Questa traccia come quasi tutte è stata scritta in una delle mie tante notti insonni. Il mio momento preferito della giornata, quando tutti dormono, e nella stanza c’è solo il rumore dei miei pensieri. Ho voluto valorizzare la notte, l’esser sveglio per creare, e l’esser sveglio inteso come “furbizia”. Questa vita lo richiede in continuazione.

06. Rookie

La Rookie, il soldato appena reclutato.
Rookies, come la sezione di Honiro alla quale appartengo. Sono il novellino che vi sta per spaccare. Mai sottovalutare.

Guarda il video di Rookie su YouTube

07. Senza mani

Senza mani, senza aiuti, seguendo il mio istinto, ho sempre fatto meglio. Il gioco di squadra non mi piace molto.  La mia traccia preferita del disco.

08. No Stress

Quando scrivo mi piace stare solo. Dove non c’è rumore, tra il suono del beat e dell’erba che brucia. Il mood è No Stress.

09. S.I.T/C.A.P.

Questo è l’unico feat del mio disco. Nella traccia sono presenti due miei cari amici dentro e soprattutto fuori dalla musica: Nomak e Titien. Ho scelto di valorizzare i ragazzi del mio quartiere.
Ne è uscito il racconto della nostra vita con i suoi rischi e responsabilità.

10. Grazie

Un ringraziamento ai miei fratelli, quei pochi di cui mi fido, per me sono come una famiglia, ci sono da sempre, da prima di Grein. E prima c’erano solo loro…

11. Liberi x sempre

Con questa si chiude l’album. Questa traccia è un urlo di liberazione, da qui inizia il mio percorso più maturo. Liberi x sempre ha un grande significato per me, per questo preferisco non spendere troppe parole affinché possa parlare da sola.

Carlo Piantoni
Redattore
Superstite del forum, qui scrivo ancora con la passione di un utente. Con un focus sul panorama italiano, più che scrivere di rap lo ascolto e lascio spazio ai suoi protagonisti.