20 agosto 2018
Cover & Tracklist

Fuori l’album Una vita in capslock di M¥SS KETA

>Jammai Jammai
aprile 21, 2018

“Una vita in capslock” è il primo album ufficiale di M¥SS KETA, inteso come opera compiuta e coesa, quasi un concept album che sintetizza i mondi sonori dell’anima di M¥SS: dalla fidget house all’elettronica sperimentale, passando attraverso il post-hardcore, il noise, il trip-hop e le suggestioni afro-futuristiche. Al tempo stesso vede aprirsi la sua ricerca all’esplorazione di nuove sonorità, più complesse e sofisticate, mostrando la maturità acquisita in questi anni.

Un viaggio in 13 tracce che riprende esplicitamente la discesa di Dante nell’Inferno, in cui la nostra M¥SS ci racconta di mondi al collasso e relazioni che si disintegrano, dell’ineluttabilità del tempo che scorre e di identità frantumate, di saturazione digitale e del bisogno spasmodico di apparire. Tutto questo fra bassi dubstep, omaggi all’elettronica europea, sonorità downbeat e revival della scena clubbing di inizio millennio, in cui le stelle polari erano Underworld e Moby.

Prodotto da alcuni fra i migliori producer in circolazione come RIVA, Populous, Clap Clap, Bot, Zeus! e il misterioso H-24, “Una vita in capslock” vede la partecipazione di Birthh ai cori di “Inferno” e di “Ultima botta a Parigi”, prima ballad in assoluto nella carriera di M¥SS, che ospita anche il sax di Adele Nigro (Any Other). Tra gli autori, oltre ai già citati M¥SS KETA e RIVA, Simone Rovellini e Dario Pigato. Al suo fianco, come sempre, il collettivo di creativi milanesi che risponde al nome di Motel Forlanini.

Ascolta l’album su Spotify

Guarda il video di “Botox” su YouTube

Carlo Piantoni
Redattore
Superstite del forum, qui scrivo ancora con la passione di un utente. Con un focus sul panorama italiano, più che scrivere di rap lo ascolto e lascio spazio ai suoi protagonisti.