19 giugno 2018
News Ita

A Cattolica si racconta la nuova musica italiana insieme a i suoi protagonisti

>Davide Buda Davide Buda
gennaio 11, 2018

Il ciclo di incontri  dal titolo Potere alla parola, ideato e condotto dal critico musicale e saggista Pierfrancesco Pacoda, vuole raccontare la nuova musica italiana.

Sei gli appuntamenti in programma dal 13 gennaio al  3 marzo  che porteranno al Salone Snaporaz di Cattolica alcune tra le figure più interessanti del panorama emergente, per condividere con il pubblico, specie quello più giovane, la propria esperienza.

A promuovere il progetto l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cattolica Ufficio Cinema-Teatro in collaborazione con Associazione Celesterosa e con la nuova realtà didattica della città, l’Accademia Musicale Città di Cattolica. Quest’ultima si pone l’obiettivo di valorizzare la cultura ed il linguaggio musicale, rivolgendosi ad appassionati ed aspiranti professionisti di ogni età, mostrando già dai primi mesi di gestione, una grande attenzione rispetto alle tematiche più attuali in campo musicale.

Grazie a questa iniziativa approderanno a Cattolica alcuni tra gli esponenti più rappresentativi del suono italiano, invitati a conversare con i giovani sul loro lavoro, dall’importanza della creatività al metodo, dallo studio ai concerti. L’idea che sta alla base del progetto è quella di trasmettere il senso del lavoro del musicista, svelandone tutti gli aspetti che permettono a un’idea di trasformarsi in una canzone e poi di affrontare il mercato.





Stimoli, quindi, sulla conoscenza di una professione che non è solo quella dei ‘talent’,  ma che è fatta di ricerca, di impegno, di sperimentazione e di confronto continuo con il pubblico.

Dalle fonti di ispirazione all’utilizzo delle nuove tecnologie, i musicisti invitati, molti per la prima volta coinvolti in una dimensione diversa da quella abituale del ‘palco’, saranno anche disponibili a rispondere alle domande del pubblico per approfondire temi specifici.

In anni di rinnovato interesse nei confronti della nuova musica italiana, si è affermata sempre di più una scena ‘indipendente’, che unisce all’originalità della proposta ‘estetica’, una visione ‘etica’ del suono, basata sulla scelta dell’assoluta indipendenza. Complice anche la rivoluzione digitale, che ha fatto di  una stanza uno studio di registrazione, si è azzerata la distanza che ha storicamente separato chi ‘fa’ da chi ‘fruisce’ musica, rendendo i due ruoli scambiabili. Così oggi portare sulla scena la propria creatività, confrontarsi con il mercato non significa aspettare un investimento da parte di una casa discografica, ma mettere insieme capacità manageriali e originalità artistica. Connubio che ha dato vita a nuove professionalità e ha fatto emergere giovani musicisti che rivendicano il pieno controllo del proprio prodotto.

Sabato 13 gennaio 2018 ore 17.00

Amir, l’hip hop e la creatività di seconda generazione.

Presentazione del libro Vivo per questo.

 

Sabato 20 gennaio 2018 ore 17.00

Musica, donne, Romagna.

Con Nico Note.

 

Venerdì 2 febbraio 2018 ore 17.00

Il mestiere dell’hip hop.

Incontro con Claver Gold.

 

Lunedì 12 febbraio  2018, ore 21.00

La nuova musica italiana si racconta.

Una conversazione con Roy Paci.

 

Lunedì 26 febbraio 2018, ore 21.00

Reggae, Ragamuffin tra ballo e consapevolezza.

Incontro con Nando Popu dei Sud Sound System.

 

Sabato 3 marzo 2018 ore 17.00

Presentazione del libro La psicologia del Rock. Crescere con la musica in adolescenza di Andrea Montesano.