16 dicembre 2019
News Ita

Tre assassine è il nuovo singolo di Ciao sono Vale

>Carlo Piantoni Carlo Piantoni
Novembre 12, 2019

A marzo 2019 è uscito il singolo Deley, brano che le ha regalato grandi soddisfazioni tra cui l’apertura a San Giovanni del concerto del 1° maggio. Ciao sono Vale, nome d’arte di Valeria Fusarri, dopo aver pubblicato a luglio il singolo Clichè, torna con il brano Tre assassine disponibile dal 12 novembre 2019 su tutte le piattaforme digitali per Honiro Ent.

Ciao sono Vale già in studio per lavorare sui nuovi brani.

Ascolta il singolo su Spotify

Tre assassine: due parole, un concetto astratto. – racconta Ciao sono Vale – Ci tengo a sottolineare che ho scritto questo pezzo con mia sorella Simona, la persona che amo di più al mondo.
Lei è parte di me, abbiamo pensato di esprimere con parole dirette un concetto ben chiaro ma abbastanza difficile da concepire.
Parliamo di malattia mentale e di come in Italia venga sottovalutata, di ogni volta che hai bisogno di una mano e l’unica cosa che sanno fare è darti un farmaco per sedarti.
Quando una persona ha dei problemi – continua Ciao sono Vale – ha bisogno di essere ascoltata, ed io voglio che la gente possa trovare in queste parole del conforto, della comprensione e attraverso la musica ricevere un forte abbraccio.
Il testo ha tante sfaccettature, può essere inteso come in vari modi ma, in generale è uno sfogo per qualsiasi problema che può capitare nella vita, è una richiesta di aiuto.
Ci tengo che la gente  possa vedere la musica come un’ancora di salvezza.
La produzione parte da una mia idea ma, con il tocco speciale  del mio grande amico ed incredibile artista Matteo Costanzo che ha stravolto tutto.
Abbiamo unito la scrittura con un genere che in Italia ancora non esiste, stiamo giocando con il fuoco, sapendo che è difficile, ma a noi piace scottarci.
Sono qui – conclude Ciao sono Vale – per dimostrare chi sono al meglio delle mie potenzialità.

Carlo Piantoni
Redattore
Superstite del forum, qui scrivo ancora con la passione di un utente. Con un focus sul panorama italiano, più che scrivere di rap lo ascolto e lascio spazio ai suoi protagonisti.