05 dicembre 2019
Interviste

Riky – Everest: leggi l’intervista

>Raffaele Lauretti Raffaele Lauretti
Marzo 17, 2016

Classe 1990, Riky, dopo la vittoria al Pepsi Beat On Stage, dopo collaborazioni in dischi come Machete Mixtape Vol. 3, e un primo disco, adesso torna con Everest, fuori dal 3 marzo per Sony Records, in collaborazione con Machete Production e la direzione artistica di Dj Slait.  Abbiamo avuto modo di fargli un paio di domande.

Ciao Riky, bentornato ne La Casa del Rap. E’ passato circa un anno dall’ultima intervista. Come hai trascorso questo periodo?
Ciao a tutti! Quest’ultimo periodo è stato abbastanza impegnativo, ho scritto e pubblicato un nuovo ep uscito pochi giorni fa e insieme a Mirko de Angelis abbiamo lavorato a un supervideo che si chiama “Everest”. Per il resto sempre in the same shit: studio di registrazione, buona musica, occhi rossi… e sempre con la stessa fame.

Partiamo subito dalle domande sul disco: com’è nata concretamente la collaborazione con Dj Slait e poi con Sony? Puoi spiegarci com’è stato lavorare con questo team?
La collaborazione con Dj Slait è nata diversi anni fa, con lui e con parte del team Machete ci si conosce da tempo, in pratica. Loro sono di Olbia, io di Cagliari e già una decina di anni fa ci si beccava spesso quando loro scendevano da noi a suonare con i rispettivi gruppi e viceversa. Inoltre, prima di “Everest”, mi era già capitato di collaborare con loro per diversi brani come quello all’interno del “Machete Mixtape vol. III” o in ‘Bv2’ di Dj Slait. Dopo la vittoria del Pepsi beat e il successivo brano con J Ax, sono stato contattato dalla Sony che ha apprezzato il mio lavoro e ha deciso di propormi un contratto: ho deciso di dare in mano la direzione artistica del nuovo ep alla Machete e soprattutto a Slait, innanzitutto per un rapporto di fiducia, poi perché ritengo abbiano gli strumenti, le potenzialità e i produttori che servono per produrre un buon lavoro. Per la creazione di questo ep sono partito per andare a Milano nei loro nuovi studi: lavorare con loro è stata sicuramente una bella esperienza, è un team forte, professionale e con molti di loro siamo praticamente coetanei, quindi spesso è stato più semplice trovare il mood giusto. Per tutto il tempo sono stato seguito da Low Kidd che ha curato le registrazioni e alcune delle produzioni: vi assicuro che Kidd è una bestia da studio!!! Ci siamo trovati subito in sintonia e abbiamo capito subito che tipo di sound volevamo per i brani di “Everest”.

Vieni da un progetto come “Num3ri, realizzato interamente con il contributo di Andrea Aru. Come hai scelto invece i produttori per il nuovo EP? E chi c’è dietro ai MacheteBeatz e alla sigla C.B.C.?
In realtà le produzioni di “Num3r1” sono sotto la direzione di Andrea Aru ma sono state create con un team di musicisti, giusto per citarne qualcuno: Riccardo Sanna, Nicolo Nioi, Ettore Diana ecc. Tutti musicisti esterni al mondo del rap. Per la produzione di “Everest” invece ho deciso di fare qualcosa di diverso, con un sound più “freddo”, per certi versi più moderno. Per la scelta delle strumentali ho scelto dei produttori che avevano quel tipo di sound: Low Kidd è sicuramente uno di quelli con cui mi interessava collaborare e poi Denny the Cool con cui ho collaborato diverse volte e che oramai ha dato prova delle sue capacità più di una volta in diverse hit. Il brano “Personaggio” invece ha una storia tutta sua: ho conosciuto C.B.C anni fa perché aveva prodotto la strumentale di una collaborazione che dovevo fare con un mio amico, lui si chiama Cristian Petrosino ed è un beatmaker di Trapani che non produce solamente rap. Il brano è stato scritto un anno fa ed è probabilmente l’unico brano che è rimasto così come l’avevo ideato prima di andare a registrare il disco, mentre gran parte dell’ep è stato curato e riadattato in studio in base alle strumentali che sono state prodotte. I MacheteBeatz sono un collettivo di produttori e non, che hanno collaborato insieme per la realizzazione delle strumentali, composto da elementi del team Machete tra cui anche Slait e Low Kidd.

Nel disco non ci sono featuring. Come mai questa scelta?
È stata una scelta dovuta principalmente al fatto che il progetto doveva essere un ep di presentazione e quindi con pochissimi brani. Ho preferito perciò fare dei brani corti e dare alla gente più Riky possibile in un disco così breve! Non sono inoltre uno che collabora tanto, sono davvero pochi i rapper con cui mi interesserebbe fare una collaborazione, oggi come oggi: questa è la mia scalata e come si vede nel video “Everest” è una scalata che faccio da solo. Non volevo numeri gonfiati da nomi grossi sul pezzo e ho preferito prendere questa strada, probabilmente più tortuosa ma quella che ho ritenuto più giusta in base al percorso che voglio fare.

Nonostante il buon riscontro di “Num3ri, hai scelto di mettere questo EP in free download, come mai questa scelta? E’ un assaggio del prossimo disco? Puoi già anticiparci qualcosa?
“Everest” è un progetto che segna una fase di transizione tra il Riky di “Num3r1” e quello di oggi. Ho preferito regalarlo per dare la possibilità a più persone possibili, e quindi anche a chi non mi ha mai seguito o a chi non mi conosceva, di ascoltare la roba nuova. Avrei voluto stampare qualche copia di “Num3r1” ma non c’è stata la possibilità, mentre di “Everest” è in programma un’edizione limitata che sarà possibile acquistare già da questi giorni sul sito Machete e ai nostri live, vista la richiesta e il riscontro positivo da parte degli ascoltatori, abbiamo deciso di farne una copia fisica seppure in tiratura limitatissima.
Ovviamente c’è in programma un disco ufficiale a cui già sto lavorando, con più brani e sicuramente con qualche collaborazione interessante, per ora in vista ci sono dei nuovi video estratti da “Everest” e nuovi live per presentare l’ep.

Nel ringraziarti per la disponibilità dimostrata, ricordaci brevemente i tuoi contatti.
Grazie a voi de LaCasaDelRap per lo spazio che mi concedete ogni volta, consiglio a tutti i lettori di seguirmi sulla pagina ufficiale Facebook: RIKY e su instragram @riky_ilrapper dove di continuo inserisco news riguardanti la mia musica e i live. Vi consiglio di scaricare il mio nuovo ep o di acquistare la copia fisica dal sito Machete

Intervista a cura di Raffaele Lauretti & Jammai 

Raffaele Lauretti
Scrivo di rap e studio filosofia. Nel tempo libero mangio la carbonara.