22 aprile 2019
Just Another Mix

Just Another Mix: la routine grattata di Grindalf è decisamente hardcore

>Stefano Pistore a.k.a. Stephaz Stefano Pistore a.k.a. Stephaz
Gennaio 19, 2018

Il mese di dicembre è sempre un mese particolare. C’è il Natale, bisogna fare i regali, essere più buoni e via dicendo. Tutte cose che richiedono molto impegno sia fisico che psicologico. Per questo e altri motivi che non posso elencare perché tutelati dal segreto professionale, la puntata di JAM di dicembre non è andata online. Dopotutto, la ricerca di stile non è completamente avulsa da errori e tentativi andati a male. Nessuno sa bene come gestire un cane fin quando non arriva il momento di dargli la pappa ed essere stilosi a Natale è d’obbligo.

Parole a caso a parte, oggi ti presento uno di quei producer che a breve anche tua nonna suonerà i suoi beat durante le partita di Burraco con le amiche. Il suo nome è Grindalf, sul suo conto non si hanno molte notizie perché lavorare per i servizi segreti è sempre stato il suo sogno. Prove della sua esistenza sono robe di QUESTO tipo o QUESTO. Da qualche tempo, per fortuna, JAM ha un nuovo format e questo mi ha dato la possibilità di fare qualche domanda a Grindalf per capire meglio il motivo che ha condotto il ragazzo sulla lunga e ventosa strada della musica (in attesa di essere assunto per l’intelligence italiana). Mentre leggi l’intervista però clicca sul tasto PLAY e goditi il mix che Grindalf ha realizzato in esclusiva per Lacasadelrap.com.

P.S. Ricordati di condividere il mix con tutti i tuoi conoscenti, non fare l’egoista!





Tracklist:
01. Drax & Grindalf – Satana
02. GoldLink – Kokamoe Freestyle
03. Drax & Grindalf – Diahane Dubplate (Exclusive)
04. A$AP Mob – Perry Aye
05. XXXTentacion – Up Like An Insomniac (Freestyle)
06. Amir Obe – Happening
07. PXXR GVNG – Cigala
08. A$AP Ferg – Aww Yeah feat. Lil Yachty
09. Wata Nabe – 1 2 3 4
10. Kalash Criminel – Ce Genre De Mec
11. A$AP Ferg – East Coast (Remix)
12. Fuego & Sango – Se Me Nota
13. Night Skinny & Luchè – Al Mio Fianco
14. Drax & Grindalf – Comme Ci Comme ça
15. Yung Lean – Skimask
16. Nav & Metro Boomin – Perfect Timing (Intro)
17. Lil Uzi Vert – 444+222
18. Drax & Grindalf – Merenda feat. Sodaboi
19. Ramirez – Nananananana
20. Sch – Comme Si
21. Drax & Grindalf – Parallelo

Qual è stata la prima volta che hai pensato, “ok, voglio fare musica”?

Sicuramente da piccolo, quando per un compleanno mi hanno regalato una chitarraccia elettrica di quelle “START & GIG”. Ho avuto la fortuna di avere una famiglia con un buon orecchio, di quella generazione in fissa con gli anni ’70 e ’80, che mi hanno sempre dato ottimi input anche da bambino.

Perché hai scelto la musica per esprimere le tue esigenze?

Diciamo che non l’ho scelto, mi ci sono ritrovato dopo anni che lo facevo. All’inizio, dopo la mia prima chitarrina, iniziai a suonare il basso elettrico con le prime band, facevamo punk, metal e un po’ tutto quello che ci piaceva. Poi sono passato al lato elettronico e dopo qualche anno ho iniziato a produrre per i primi testi di Moebius Ohba. Anche io scrivevo delle strofe in realtà (terribili) ma ho smesso praticamente subito perché i beats mi davano molta più soddisfazione. Questo è stato il periodo in cui ho definito quello che mi sarebbe piaciuto fare, prima ancora di iniziare a lavorare con Pugni in Tasca, Serpe in Seno, Wata Nabe e tutti gli altri. Non ho mai avuto dubbi fosse stata la musica la mia via d’espressione, anche se faccio anche altro. Niente però mi ha dato di più nella vita, anche solo per le esperienze che mi ha permesso di fare e della bella gente che mi ha permesso di conoscere.

Da cosa trai ispirazione?

Secondo me, l’ispirazione alla fine è solo quello che vivi. Se stai chiuso in studio e quello è il tuo paesaggio quotidiano non riesci a dare veramente quello che potresti, almeno io funziono così, se devo esprimere delle emozioni che siano positive o negative devo viverle altrimenti diventa tutto un processo molto macchinoso che magari delle volte può essere utile per allenarsi, ma personalmente è molto controproducente. La musica prima è una questione fisica, poi la esprimo con le macchine.

Quanta musica compri al mese?

Ultimamente non troppa, ma solo perché non sto trovando il tempo di andare a fare diggin. Quando acquisto preferisco comunque scegliere fra musica di generi differenti dal rap, un po’ per passione un po’ per avere nuovo materiale da campionare.

Streaming o supporto fisico?

Supporto fisico sicuramente. Uso molto anche lo streaming per ovvie ragioni ma penso tutti preferiscano poter avere fisicamente la musica che ascoltano, di certo non sono un collezionista ma potendo avrei una casa piena di dischi.

Non sopporti di più i rapper o i fonici?

Simpaticoni. Dovendo scegliere ti dico i rapper ma solo perché alla maggior parte di loro manca quella disciplina musicale quasi zen che invece è parte integrante del lavoro del fonico. Dall’altro lato c’è anche quella percentuale di fonici che veramente distruggono la creatività per colpa di quegli anni di dedizione e studio che li fa automaticamente sentire sempre 3 gradini sopra a te.

La cosa che più ami e quella che odi di più di quando suoni dal vivo?

I fonici (appunto). Possono farti fare la migliore performance della tua vita o distruggertela. Ma anche l’impianto e la sala. Se riesci a suonare bene anche quondo hai un fonico al suo primo giorno di lavoro e nella sala non si capisce nulla, allora significa davvero che spacchi.

Questa domanda è ispirata ad “Alta fedeltà” di Nick Hornby. Arriva il giorno del tuo funerale e hai la possibilità di scegliere la “top 5” da suonare durante la cerimonia. Quali canzoni scegli?

Fugazi- I’m So Tired
Future- Perky’s Calling
FBYC- Sasso
Ty Dolla $ign ft. Big TC – Miracle
Gang of Four – Damaged Goods

Contatti:
Facebook: www.facebook.com/grindalfhc
Soundcloud: https://soundcloud.com/grindalfhc