17 novembre 2019
Recensioni

La Soluzione al mainstream di Shorty & Funk Shui Project

>Dario Megna Dario Megna
Novembre 08, 2019

Cosa succede quando quattro musicisti funk torinesi incontrano una sofisticata penna palermitana con attitudini hip hop? Il risultato è simile ad una Terapia di Gruppo, un progetto così originale che abbiamo difficoltà a categorizzare tra i vari generi musicali. Oggi, 8 novembre, tutti i fan – e non – possono ascoltare il secondo lavoro di questa combo che si era già rivelata vincente lo scorso anno, presentandosi come un toccasana per il mercato mainstream italiano. La Soluzione, il nuovo album dei Funk Shui Project & Davide Shorty è disponibile su Spotify e nelle principali piattaforme streaming per Totally Imported by Artist First.

Ascolta La Soluzione su Spotify

Instrumentals: 7

Quando si ascolta buona musica non c’è nulla di più appagante di identificare ogni singolo strumento e analizzarne la cura nei dettagli lungo tutta la durata del brano. Ciò capita raramente nella maggior parte dei dischi rap, a meno che la produzione non venga affidata a producer con una lunga esperienza alle spalle. Come abbiamo detto prima, però, i Funk Shui Project sono fuori dal jet set e sanno di poter offrire qualcosa di diverso dai classici beat boom-bap creando l’atmosfera giusta dalla prima all’ultima traccia. Le strumentali suonano funk, hip hop, soul, evolvendosi continuamente arrivando a sfiorare anche un particolare reggae in chiave moderno in Visione.

Lyrics & Skills: 7,5

A tutto questo sound i contenuti non mancano. Davide Shorty ha alle spalle un’esperienza decennale: dallo street rap dialettale degli esordi con i Combomastas, al soul con i Retrospective for Love fino alla parentesi anti-mainstream durante e post la partecipazione di X-Factor che ha partorito il suo primo album ufficiale Straniero. Adesso sembra aver trovato la sua dimensione che gli permette di mostrare tutta la sua maturità artistica. L’unico featuring del progetto lo troviamo in Solo con me: il singolo che anticipa il disco vanta la collaborazione dell’altra bandiera palermitana, Johnny Marsiglia. All’interno troviamo testi molto intimi che parlano d’amore per la musica o per una donna, di nostalgia (da palermitano sono di parte, ma Insonnia è la mia traccia preferita), affiancati anche da brani impegnati socialmente. Molte sono le prese di posizione dell’intero gruppo riguardo diverse tematiche attuali ed invitiamo il lettore a scovarle tutte.

Style: 8

La combinazione di questi due stili, la sinergia che si è creata tra i ragazzi, ha presentato in musica un’attitudine così originale che è sicuramente il loro punto di forza. Le influenze musicali sono diverse, alcune sono anche citate nei testi, ma il collage che ne viene fuori è qualcosa che raramente troviamo in giro. È sicuramente un album che va ascoltato live per coglierne ancora di più l’essenza, ma in attesa delle date (che trovate nei loro profili social) ci gustiamo il disco nelle nostre cuffie!

Visual & Artwork

Il progetto grafico è curato da Ale Giorgini che ringrazio vivamente e pubblicamente per avermi fatto tornare in mente la mia infanzia con il suo stile che ricorda quello de La Compagnia Dei Celestini.





Voto finale: 7,5

I Funk Shui Project e Davide Shorty sono la migliore e naturale evasione da qualsiasi tipo di musica che possiamo ascoltare in giro o trovare nelle Hot List di Spotify. Il loro è un progetto interessante che conferma le alte aspettative dal disco precedente e si impegna a ricevere i traguardi che merita, ritagliandosi la sua fetta di mercato.

Funk Shui Project & Davide Shorty - La Soluzione

0.00
7.5

Lyrics & Skills

7.5/10

Instrumentals

7.0/10

Style

8.0/10