19 gennaio 2020
Recensioni

Mondo Marcio, solo un Uomo! tra le stelle

>Chiara Cinti Chiara Cinti
30 Dicembre, 2019

Arrivati a fine 2019 è giunto QUEL momento dell’anno: il riepilogo di ciò che è stato pubblicato nei mesi precedenti. Bene, noi facciamo mea culpa, e durante questi ultimi 30 giorni daremo spazio a quei dischi che non siamo riusciti ad approfondire nel momento della loro uscita. Per rinfrescarvi un po’ la memoria, in vista delle abituali classifiche di questo periodo…

Torniamo ad inizio anno. È l’otto di marzo quando, per Mondo Records & Sony Music Italy, Mondo Marcio decide di pubblicare Uomo!, ottavo album in studio, dalle dimensioni contenute. Si tratta infatti di un disco di dieci tracce con soli 3 featuring e 5 produttori tra cui lo stesso Gian Marco Marcello. Come mai, visti i suoi precedenti progetti costituiti da svariate tracce, l’artista milanese ha deciso di limitare così tanto Uomo!?

Ascolta Uomo! su Spotify

Testi

Di sicuro Mondo Marcio, vuoi per il suo caratteristico timbro di voce, vuoi per la sua pronuncia, riesce ad emergere, aggiudicandosi un posto nel marasma di nomi storici del rap milanese. Forse è per questo che molte delle sue rime sono più che autocelebrative in Uomo!:

Quello che fai adesso, l’ho fatto prima e meglio/ Prima non c’era mercato “solo un uomo” l’ha creato […] Togli me e un altro e frà sono finiti i rapper. 

Dio del rap – Uomo! (2019)





Si evince, oltre alla citazione di Solo un uomo che affronteremo più in là, che il trentatreenne è perfettamente conscio del suo percorso e della sua posizione e che non è per nulla spaventato dai suoi colleghi:

Io sarò sempre qui / Non cambio con il vento / Sto comodo al mio posto nel firmamento. [..] Togline quattro e mettimi nella tua top five.

Top 5 – Uomo! (2019)

Insomma, che Gian Marco Marcello abbia flow, metrica ed incastri è stato più che appurato fin da quando vinse il Tecniche Perfette, nel quale sconfisse in finale il rapper degli OneMic, Ensi, all’età di 16 anni. È stato dunque necessario, vista la grande quantità di testi autocelebrativi e la peculiarità di Mondo Marcio, calibrare questo voto in funzione di quello assegnatogli nello Stile.

Voto: 7/10

Strumentali

Come spiega lo stesso Mondo Marcio, dietro l’idea di Uomo!, perfino dietro il titolo stesso, c’è la celebrazione delle cose vere in un mondo che guarda solo all’apparenza e non alla sostanza; è una celebrazione di ciò che è umano e di ciò che è Uomo!.
Per questo, penso che la scelta di contenere anche il numero di mani che ci hanno lavorato rispecchia questo concetto di “pochi ma buoni”. Fabrizio Sotti, Fast Life Beats, Muzicheart e Swede sono tutti coloro che hanno dato colore a Uomo! oscillando, come fossimo guidati da onde, su uno stesso mood, ma con intensità diverse. Veniamo introdotti dallo stesso Mondo Marcio, con dolcezza, in quello che sarà la trama grossolana di questo progetto: autocelebrazione. Ed è proprio per la forte connessione con i suoi precedenti lavori che gran parte di questo album è firmato anche nelle produzioni dal suo interprete. Più in là, invece, la corrente aumenta e di noi resta forse il dubbio in viso quando si arriva a Sogni nella bottiglia e ovviamente Nuova scuola, quest’ultima prodotta da Swede. Ma ormai quel che andava detto è stato detto e Mondo Marcio, dopo aver fatto il suo dovere, o per fare un gioco di parole “i compiti” decide di giocare e lasciarsi più libertà nelle basi.

Voto: 7/10

Guarda il video di Vida Loca su YouTube

Stile

Dicevamo appunto che a livello di tecnica, di certo, Mondo Marcio non ha alcun tipo di problema. Si è riuscito ad adattare molto bene ai cambi di direzione che questo genere ha subito negli anni, e ce lo dimostra con i brani Nuova scuola e Vida loca, ma si sa che con gli anni, gli argomenti trattati cambiano. Se non si è soggetti a nuovi stimoli, capita spesso che vengano meno i soggetti attorno ai quali costruire poi i brani.
Vien da sé, allora, che la mossa più saggia per questo album sarebbe stata quella di puntare al cuore dei nostalgici, piuttosto che rischiare di addentrarsi nel racconto di realtà che non gli appartengono più. Le citazioni a Solo un uomo, La Freschezza Del Marcio e Mondo Marcio si sprecano; troviamo infatti numerose strofe che rimandano a questi suoi precedenti lavori:

Sono nato in volo, non ho intenzione di atterrare

estratta da Angeli e demoni, ricorda palesemente

Non so volare ma fra’ quanto costa un paio di ali?

Un altro giorno – La Freschezza Del Marcio (2016)

e da qui a cascata, ne tornano in mente altre ancora quali:

Una mia canzone può anche farti volare, non ti hanno detto che c’è un posto tra le stelle e il mare?

Segui La Stella – Solo Un Uomo (2006)

come anche

Un Marcio non sa volare / Ma ti giuro che una volta ci sono stato in alto / Troppo lontano per poterci tornare / C’era un Marcio che mi sembrava un angelo bianco /Al mio fianco / E mi stava accanto tra le stelle e il mare.

citazione del celeberrimo brano Non So Volare, dall’album Mondo Marcio del 2004.

Questa bellissima fissazione di Mondo Marcio per gli astri torna anche in un prosaico verso di Leggenda urbana che recita così:

Guardando il sole a occhi nudi resti come i ciechi / Ma fai lo stesso con la luna e capirai i poeti.

Guardando poi il video di DDR ho avuto un guizzo che mi ha fatto tornare in mente un ancora acerbo Mondo Marcio che in Nessuna via d’uscita del 2006 diceva :

E non cambio, ho sguainato la mia spada ma mi sento un cavaliere in un castello di sabbia.

Perché l’ho ricollegato istintivamente ad un altro brano sempre presente in Uomo!, Fuck the World:

La notte ero re ma di giorno non ero nessuno

che per ironia della sorte va in contrasto con la strofa in Top 5 :

C’è differenza se ti chiamano king / O se te lo dici da solo.

Insomma partendo da una sola strofa, si è potuto risalire a tutti i suoi precedenti lavori, senza perdere il filo del discorso. E lo stesso ragionamento lo si sarebbe potuto applicare a tanti altri brani di questo ultimo album.

Voto: 7.5/10

Guarda il video di Segui la stella su YouTube

Visual & artwork

La cover dell’album è stata realizzata da Mecna, rapper originario di Foggia che nel 2019 ha pubblicato Neverland. Ancora una volta ci troviamo davanti ai ricordi, o ad un loro qualsiasi sinonimo; ma non è solo la cover a dare questa impressione. Oltre ai già citati versi, nel brano Dio del rap, vediamo Mondo Marcio in piedi su un pulpito intento a parlare con una folla, dalla quale poi si alzeranno tre giovani, che lo raggiungeranno sul palco, timidamente applauditi dal resto del pubblico. Uno scenario che ricorda, lontanamente quello del video di Segui la stella, dell’ormai lontano 2009.
Ciò che esula da questo brodo di back in the days è la pubblicazione del video Vida Loca, che un anno fa, 17 dicembre 2018, ci espone un argomento molto delicato.

Ho deciso per questo di sostenere la causa dell’Associazione Lule Onlus, impegnata da anni in strada per rispondere ai bisogni degli invisibili e offrire quindi aiuto alle prostitute vittime di tratta, sfruttamento sessuale e maltrattamenti.

Tutto il ricavato dalla vendita del bano Vida Loca su iTunes veniva interamente devoluto alla Onlus, permettendo così, attraverso la musica di dare voce a chi

la vita di strada la vive per davvero, e non nelle canzoni.

Guarda il video di DDR su YouTube

Voto finale: 7.2/10

Nostalgia è ciò che gronda da Uomo!, ogni brano porta dentro di sé qualcosa dei suoi precedenti lavori, trascinando a forza l’ascoltatore in un limbo destabilizzante. Uomo! è un vero e proprio stargate nella carriera di Mondo Marcio, che ci porta alla mente talmente tanti suoi vecchi lavori da dimenticare di avere in cuffia un progetto del 2019. Non è una scelta recriminabile, anzi. Alla copiosità di album che si fingono all’avanguardia per poi essere un macinato di vecchie strofe e loop saturi, avere un così palese progetto nostalgico è rassicurante. Già dal titolo puoi intuire che non sarà il nuovo manifesto futurista dell’artista milanese ed in fondo, chi glielo ha chiesto?

Mondo Marcio - Uomo!

0.00
7.2

Testi

7.0/10

Stile

7.5/10

Strumentali

7.0/10
Chiara Cinti
Il mio primo incarico fu quello di costruire le navi che portarono gli Achei a Troia, ma con la crisi che c'è, ho preso a farne solo di carta e di dimensioni microscopiche. Assidua mangiatrice di lasagne e libri. Probabilmente sono l'anima gemella di Hannibal Lecter. Dite Mellon ed entrate.