20 agosto 2018
INTL

Gli Young Fathers sono i protagonisti di Diggin In The Web Interanational

>Pasquale Laselva Pasquale Laselva
febbraio 01, 2018

I protagonisti di questa nuova puntata di Diggin In The Web International sono gli Young Fathers, gruppo Alternative Rap scozzese. Ho avuto il piacere di ascoltarli per la prima volta grazie alla collaborazione con i Massive Attack nella canzone “Voodo In My Blood”.

La crew è composta da G Hastings, proveniente da Edimburgo, Alloysioous Massaquoi, liberiano con origini ghanesi, e da Kayus Bankole, nato ad Edimburgo da genitori nigeriani, ma cresciuto in Maryland, USA. La loro formazione live si completa con Steven Morrison alla batteria.

Gli Young Fathers si sono formati dopo una serata per artisti under 16 organizzata al Bongo Club di Edimburgo, famosissima discoteca che negli anni ha ospitato i migliori DJ, band e cantanti di tutti i generi musicali. I tre hanno subito cominciato a collaborare, scrivendo e registrando inizialmente con un vecchio karaoke a cassette a casa dei genitori di G Hastings. Nel 2011 nasce il loro primo mixtape “Tape One”, scritto e registrato in una settimana e  pubblicato in free download per sole due settimane dopo le registrazioni. Due anni dopo pubblicano “Tape Two” progetto scritto e registrato con le stesse modalità del primo. Gli Young Fathers, grazie a questi due mixtape, riscuotono molto successo catturando anche l’attenzione dell’etichetta discografica Anticon, una label con sede a Los Angeles, la quale offre alla band, in maniera ufficiale, i due tape nel 2013.

Nel frattempo la crew ha continuato a suonare live in tutta Europa, riscontrando un discreto successo e per la prima volta negli Stati Uniti. In seguito al supporto ricevuto da Zane Lowe e da Lauren Laverne della BBC e dopo la loro apparizione al talk show Jimmy Kimmel del 2014, “Tape Two” ha vinto il “The Say Award” come miglior album scozzese, mentre l’album “Dead”, uscito successivamente, ha ricevuto il prestigioso premio Mercury Prize per il miglior disco del 2014. Il trio non si ferma e nel 2015 pubblicano l’album “White Men Are Black Men Too”, per la Big Dada Records, dove, anche quest’album, riscuote un ottimo successo e attrae l’attenzione dei Massive Attack, band musicale inglese considerato come fondatore della musica Trip Hop, che invita gli Young Fathers a collaborare nell’EP “Ritual Spirit” nella canzone “Voodo In My Blood” e ad aprire i loro live. Nel 2017 gli Young Fathers partecipano alla colonna sonora di “Trainspotting T2” con il brano “Only God Knows”. Il 9 Marzo 2018 pubblicheranno il loro terzo album ufficliale “Cocoa Sugar”, e noi de lacasadelrap.com abbiamo avuto il piacere di ascoltarlo in anteprima. ed è stato anticipato dal singolo “In My View”, mentre l’artwork del disco è stato creato da Julia Noni, fotografa per Vogue, Dior e Swarovski con la direzione creativa di Tom Hingston.

Di seguito oltre al player del YouTube del video “In My View”, trovate la cover e la tracklist di “Cocoa Sugar”.

Young Fathers - Cocoa Sugar
  1. ‘See How’
  2. ‘Fee Fi’
  3. ‘In My View’
  4. ‘Turn’
  5. ‘Lord’
  6. ‘Tremolo’
  7. ‘Wow’
  8. ‘Border Girl’
  9. ‘Holy Ghost’
  10. ‘Wire’
  11. ‘Toy’
  12. ‘Picking You’
Pasquale Laselva
Redattore
Mi presento Sono Pasquale Laselva e sono uno chef, ma pur lavorando in questo campo molto impegnativo, riesco a soddisfare la mia più grande passione, ovvero la musica, ritagliando momenti di relax con l'ascolto della mia ricca collezione di vinili.